standard di ecologia della casa

Immobiliare: focus sugli standard ambientali nel 2021

Nell'era di un'economia sostenibile, gli standard ambientali occupano un posto importante nel settore immobiliare. Al di là della riduzione degli oneri di cui si può usufruire, i lavori di ristrutturazione energetica hanno un grande interesse ecologico, sia per singole abitazioni che per condomini e consentono loro di ottemperare nel pieno rispetto di tali norme. Concentrarsi sui diversi standard ambientali.

Intraprendere lavoro energetico per ridurre i costi

Gli edifici di recente costruzione sono quasi tutti conformi alle norme ambientali in vigore. D'altra parte, per gli edifici costruiti prima delle normative è necessario lavorare per migliorare l'efficienza energetica degli edifici. I lavori di rinnovamento energetico o il cambio di fornitore di energia hanno diversi vantaggi.

In primo luogo, i lavori permettendomigliorare l'efficienza energetica di un edificio aiuterà a fare minori spese condominiali. Grazie ai vari aiuti, come lo schema di comproprietà MaPrim'Rénov, il bonus energetico per la comproprietà e la comproprietà eco-PTZ, il lavoro può essere pagato fino al 100%. Puoi così beneficiare di tutti i vantaggi delle opere energetiche come isolamento termico, isolamento di valvole, isolamento di solai e isolamento delle pareti senza spendere 1 €. Questi aiuti cumulativi sosterranno il finanziamento dei lavori e prezzo delle attrezzature così puoi iniziare il miglioramento energetico senza spendere una fortuna.

Gli specialisti in efficienza energetica, in qualità di partner nella gestione dell'energia, ti supportano in tutte le fasi del rinnovamento energetico: audit e diagnosi, mobilitazione degli aiuti finanziari e completamento dei progetti. Si prendono anche cura del file rinegoziazione del contratto energetico, elettricità e gas per ridurre ulteriormente i costi.

Inoltre, un edificio ad alto rendimento energetico è un edificio rispettoso dell'ambiente. Avrai un edificio che soddisfa tutti i regolamenti, il che sicuramente aumenterà il suo valore. Un edificio efficiente dal punto di vista energetico è inoltre più interessante per inquilini e acquirenti. Il tuo edificio quindi non rischierà di rimanere a lungo disabitato.

Leggi anche:  lana di pecora per isolare

diagnosi domiciliare

ilda solo

Per ridurre il consumo energetico del tuo edificio, è sempre necessario controllare prima l'isolamento. Un cattivo isolamento infatti provocherà dispersione termica e renderà inefficace tutto il lavoro che si può intraprendere. L'isolamento termico è quindi il base per lavori energetici di successo.

Generalmente l'isolamento consiste nell'eseguire piccoli lavori tendenti a limitare le dispersioni termiche. Può essere un isolamento del sottotetto, quello del tetto, dei muri, dei pavimenti e delle cantine, o anche delle tubazioni del riscaldamento condominiale. Spetta al professionista determinare il tipo di lavoro richiesto e il budget necessario per il loro completamento.

Riscaldamento e aria condizionata

Dopo aver migliorato l'isolamento, è necessario installare un sistema di riscaldamento, ventilazione e aria condizionata più efficiente dal punto di vista energetico. Tra i riscaldatori più efficienti ed ecologici troviamo il caldaia a gas a condensazione, pompa di calore e caldaia a biomasse.

Affinché l'impianto di riscaldamento sia più efficiente, potrebbe essere necessario aggiungere ulteriori riscaldatori come uno scaldacqua solare per acqua calda, una stufa a legna e collettori solari fotovoltaici in modo che venga raccolta parte del calore. Energia necessaria (luci esterne o in garage, ad esempio) è ottenuto gratuitamente.

La riorganizzazione dello spazio

L'ottimizzazione delle prestazioni energetiche dell'edificio può anche comportare la riorganizzazione dello spazio interno. In effetti, questo passaggio prevede l'adozione di un file architettura bioclimatica che riduce il calore riducendo il guadagno solare e limitando la perdita di calore.

Pertanto, l'installazione di dispositivi ecologici come tende da sole è consigliato per ridurre l'uso dell'aria condizionata. Infatti, riducendo l'ingresso dei raggi UV nell'edificio nel periodo estivo, si eviterà l'innalzamento della temperatura e si beneficerà di un risparmio di ombra durante i periodi di ondata di caldo, che impatterà sull'uso dell'aria condizionata da parte dei residenti.

Rispetto dell'ambiente, un obbligo normativo

Dal momento che Grenelle de l'Environnement, il rispetto per l'ambiente è diventato un obbligo che incombe ai proprietari. Infatti, durante la vendita o l'affitto di un immobile, il proprietario deve fornire un DPE (diagnosi della prestazione energetica). È un documento che fornisce all'inquilino o all'acquirente un panoramica delle prestazioni energetiche dell'edificio. La parte interessata deve trovare il consumo energetico dell'edificio e il suo tasso di emissioni di gas serra nell'arco di un anno.

Leggi anche:  La grigia energia della costruzione, il lato nascosto del settore!

Questo documento è redatto solo da un diagnostico professionista. Assegnerà all'edificio un voto compreso tra A e G (il voto peggiore), secondo criteri precisi. L'edificio otterrà due etichette:

  • L'etichetta climatica per il tasso di emissioni di gas serra all'anno
  • Etichetta energetica per il consumo di energia all'anno

Regolamenti termici: RT 2012 e RT 2020

La normativa termica 2012 è entrata in vigore il 1 gennaio 2013. La RT 2012 si propone di ridurre il consumo di risorse naturali come petrolio, legno e gas negli edifici costruiti in Francia. RT 2012 indica quindi la quantità massima di energia che l'edificio dovrebbe consumare per il suo riscaldamento, tutta l'illuminazione e l'acqua calda. Rispettando la RT 2012, gli edifici saranno più efficienti e consentiranno un risparmio energetico per gli occupanti.

Nel 2018 RT 2012 è stato sostituito da RT 2020 che riguarda i nuovi edifici pubblici. Applicato dal 2020, questo regolamento mira a promuovere la costruzione di edifici ad energia positiva che produrrà più energia di quella di cui hanno bisogno. Per realizzare un edificio in grado di fornire un surplus di energia, i costruttori devono utilizzare materiali di qualità, ovviamente ecologici, come il legno e la canapa. Questo tipo di materiale è noto per la sua capacità di isolamento ottimale.

Viene inoltre chiesto di studiare l'orientamento degli edifici in base al clima locale. Allo stesso modo, aperture, balconi e bovindi saranno studiati appositamente per sfruttare il calore naturale dall'esposizione ai raggi UV.

Leggi anche:  Stirling cogenerazione a pellet di legno da Sunmachine

Infine, dobbiamo concentrarci sull'installazione di dispositivi che creano energia naturale come pannelli solari, Pozzi canadesi e scaldabagno solare.

habitat ecologico

L'etichetta BBC o edificio a basso consumo

Questa etichetta deriva dal regolamento RT 2012. L'etichetta BBC è uno dei requisiti Grenelle de l'Environnement. Il suo obiettivo è ridurre il consumo energetico degli edifici di recente costruzione e dei vecchi edifici in Francia. Questa etichetta viene assegnata agli edifici i cui il consumo di energia non supera i 50 kWh / m² all'anno (consumo energetico compreso riscaldamento, illuminazione, acqua calda, aria condizionata e ventilazione).

la certificazione HQE o alta qualità ambientale

La certificazione HQE è uno standard ambientale implementato nel 2004 nel settore immobiliare. L'elevata qualità ambientale è stabilita per misurare la sostenibilità di un edificio a tutti i livelli (economico, ecologico, sociale, ecc.). Un edificio HQE deve soddisfare a preoccupazione responsabile al fine di garantire un minore impatto ambientale e una qualità di vita ottimale per i suoi occupanti. Questa certificazione HQE etichetterà un edificio in base a Livelli 4 : buono, molto buono, eccellente o eccezionale.

In Francia, questa etichetta è leader nelle certificazioni che misurare la durabilità di un edificio. Domina ampiamente il mercato con l'82% delle certificazioni, molto più avanti dell'etichetta britannica BREEAM (Building Research Establishment Environmental Assessment Method). Questa è un'etichetta creata nel 1997 e che ha il 16% delle certificazioni in Francia nel 2015.

L'etichetta LEED o Leadership in Energy and Environmental Design è un'altra etichetta che misura la sostenibilità degli edifici. Creata nel 1998, questa etichetta rappresenta quasi il 2% delle certificazioni in Francia.

Una domanda o per ulteriori dettagli tecnici, vedere il forum immobiliare ecologico

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *