Grafite in combustibile

Suggerimenti, consigli e suggerimenti per abbassare il consumo, processi o invenzioni come i motori convenzionali: il motore Stirling, per esempio. Brevetti miglioramento della combustione: trattamento al plasma iniezione di acqua, la ionizzazione del combustibile o ossidante.
Avatar de l'utilisateur
abyssin3
Ho inviato messaggi 500!
Ho inviato messaggi 500!
post: 620
iscrizione: 18/07/05, 15:12

da abyssin3 » 26/09/05, 12:04

Quello che uso attualmente (marchio holtz) viene venduto come lubrificante spray, lascia pochissimo deposito nel GO e per niente nell'olio vegetale.
Ho anche provato a far passare la miscela attraverso un filtro da caffè e lo attraversa senza problemi, cioè la granulometria è <5µm, che dovrebbe passare altrettanto facilmente attraverso il filtro gasolio.
Ma è ancora difficile avere una grande quantità, bubune, potresti ancora averlo?
0 x
Condividi i tuoi pensieri ...

Avatar de l'utilisateur
wirbelwind262
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 230
iscrizione: 29/06/05, 11:58
Località: Fouras
x 24

da wirbelwind262 » 26/09/05, 18:13

Buongiorno !
Ho una domanda che mi dà fastidio:
quando le particelle di grafite colloidale passano attraverso il cilindro con il carburante, i residui della combustione non rischiano di sporcare il cilindro e il resto (incrostazioni, olio inquinato con residui, ecc.)?
@ + E buona fortuna!
0 x
Avatar de l'utilisateur
gegyx
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3792
iscrizione: 21/01/05, 11:59
x 189

da gegyx » 26/09/05, 19:49

wirbelwind262 ha scritto:Buongiorno !
Ho una domanda che mi dà fastidio:

Rileggi bene il testo introduttivo ...
L'autore non sta parlando di questo. Segnala il deposito del metalloide su tutte le pareti rendendole scivolose.
Ciò che esce dallo scarico, l'autore non parla. L'esplosione sta migliorando, tutto questo deve scomparire in parte, all'uscita, e per il resto ... non dovremmo preoccuparci troppo al momento, dato che i motori dovevano sputare grasso in quel momento. .
In effetti, non molte persone hanno provato, perché è difficile trovare l'equivalente del prodotto a buon mercato ...

Mi sembra che sia valido solo per la benzina?
0 x
Desiderio =>
In grado di parlare normalmente
senza essere continuamente attaccato da alcune persone, che rispettano nulla, e questa impunità.
Avatar de l'utilisateur
gegyx
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3792
iscrizione: 21/01/05, 11:59
x 189

da gegyx » 26/09/05, 20:33

SUPERFORM ha scritto:è particolarmente cancerogeno !!!!

gestire con la massima cura!


• Le stampanti laser utilizzano cartucce di toner.
La formula di base del toner si basa su una miscela di ossido di ferro, polimero,
carbonio, agente di controllo della carica e solventi. All'inizio questi
le materie prime vengono miscelate, prima di essere soggette a un fenomeno di estrusione che porta al
trasformazione, sotto l'effetto del calore, di questo agglomerato in resina.
Il tutto viene quindi passato al mulino, per ridurre la resina in polvere di toner. Alla fine,
questo ha dimensioni delle particelle diverse che vengono quindi ordinate e associate ad altre
particelle che impediscono al toner di aderire.

+ + + + +

Domanda:
Quali sono i rischi per la salute associati al toner per stampanti e fotocopiatrici? I dipendenti di un'azienda reprografica sono preoccupati per le informazioni che appaiono sulla nuova etichetta per questi prodotti: "Rischi di effetti irreversibili" "Sospetto cancerogeno, prove insufficienti".
Risposta:
Gli inchiostri grafici Magneto per stampanti e fotocopiatrici o toner sono inchiostri a fase solida la cui formulazione relativamente costante si basa su resine poliammidiche, nerofumo (da 3 a 10%) e ossidi di ferro. Possono anche essere presenti altre resine (poliacrilico, polipropilene) o altri componenti coinvolti come agenti di controllo della carica nel processo di riproduzione elettrostatica (come rame, sali di selenio, ecc.). Il prodotto tecnico si presenta sotto forma di polvere nera; 95% delle particelle ha un diametro maggiore di 10 µm e, in linea di principio, non è inalabile. Sul posto di lavoro, gli effetti indesiderati dei toner sono limitati ai segni irritanti della mucosa cutanea (congiuntivite, rinite, tosse) correlati all'irritazione meccanica causata dalle particelle di inchiostro. Sono stati descritti alcuni rari casi di eczema da contatto mediante sensibilizzazione ai monomeri residui delle resine. Una pubblicazione isolata riporta alopecia diffusa con distrofia ungueale attribuita al selenio in un lavoratore di 31 anni, fortemente esposto alla polvere di toner in una fabbrica di fotocopiatrici in India. Un'osservazione della granulomatosi polmonare con linfoadenopatia mediastinica è stata pubblicata su 1996 in un uomo di 39 anni, dipendente di un'agenzia di stampa austriaca da mesi 18, e ha portato episodicamente a cambiare il toner di una fotocopiatrice. La responsabilità del toner nella genesi del coinvolgimento polmonare è improbabile date le condizioni di esposizione eccessivamente minime, nonché la cronologia dei disturbi: a causa della durata della fase asintomatica in questo tipo di condizione, i primi granulomi probabilmente hanno preceduto l'inizio dell'esposizione. A seconda del suo grado di purezza, è probabile che il nerofumo contenga idrocarburi policiclici aromatici, molti dei quali sono noti per essere cancerogeni per l'uomo. In effetti, diversi studi epidemiologici mostrano un aumento estremamente basso del rischio di carcinoma broncopolmonare (RR = 1,15) nelle stampanti, in processi che coinvolgono inchiostri carbon black. Per quanto ne sappia, non è stato condotto nessuno studio epidemiologico dedicato alla mortalità per cancro tra i lavoratori nel settore degli inchiostri magnetografici. Uno studio francese condotto presso Bull e pubblicato su 1987 non ha rilevato alcuna urina mutagena nei dipendenti di 20 esposta al toner da uno a sette anni. Tutto sommato, la nuova etichettatura del toner è conforme solo alle normative europee, in base alle quali i pericoli delle sostanze ora appaiono esplicitamente sulla confezione. Il vero rischio sul posto di lavoro deve essere valutato in base all'intensità dell'esposizione, alla luce dei pericoli - tutto sommato modesto - di toner.
F. Testud
++++

Infine, il toner non deve essere così buono, sebbene sia disponibile abbastanza facilmente ...

Le particelle producono micrometri 10, mentre è necessario il micron 1.
Nel prodotto è presente solo da 3 a 10% carbon black ...

Il lato cancerogeno non è molto preoccupante, perché il prodotto è in quantità minima e molto meno dannoso del solvente benzina, in cui si trova ...
È tossico per inalazione del prodotto secco.

Assunzione (che non vincola nessuno):
Se il miglioramento dell'esplosione e del consumo è dovuto a queste polveri estranee, circondate da molecole di benzina, elettrificate e distribuite nella camera, in modo omogeneo, che si tratti di grafite, ossido di ferro, rame, selenio o altro, l'effetto può essere lo stesso; giusto?
Gegyx
0 x
Desiderio =>

In grado di parlare normalmente

senza essere continuamente attaccato da alcune persone, che rispettano nulla, e questa impunità.
Avatar de l'utilisateur
gegyx
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3792
iscrizione: 21/01/05, 11:59
x 189

da gegyx » 30/09/05, 00:28

Dopo la ricerca su Internet, ecco raccolti i dati trovati, suscettibili di scoprire e comprendere la grafite colloidale:

Il colloide è viscoso quando sciolto. Può perfettamente cessare di esserlo quando diventa di nuovo asciutto. Un colloide non è necessariamente un adesivo.
Lo stato colloidale o soluzione colloidale è uno stato della materia, mezzo liquido. È una dispersione della materia in un liquido (solvente), strutturato in granuli chiamati micelle (nf, aggregato di molecole in soluzione colloidale) da 0,2 a 0,002 micron.
Il termine "colloidale" designa un certo numero di sostanze la cui virtù principale è proprio quella di essere viscose quando vengono messe in soluzione. Questa proprietà li rende utilizzabili senza rischi, mentre cariche e pigmenti "cristalloidi", che sono chimicamente inerti, hanno una provata tendenza a cadere nel mezzo liquido che li circonda, portando a incidenti pittorici. La colorazione colloidale (termine usato soprattutto nel campo delle arti del fuoco) corrisponde al carattere “colloidale” degli ossidi utilizzati. http://www.dotapea.com/colloide.htm
++++
Quindi per noi colloidale significa "particelle fini", in un solvente; si disperderanno nel liquido e si attaccheranno alle molecole del solvente, invece di depositarsi sul fondo.
++++

Si ottiene grafite colloidale
macinando la grafite naturale; è un tipo di carbonio
particelle extra fini.
È un carbonio in particelle le cui dimensioni, almeno
una dimensione, sono inferiori a circa 1 000 nm.
(1 nm = 000 micrometro = 1 micron = 1/1 millimetro)
++++
Informazioni, soprattutto per André:
http://www.mrnf.gouv.qc.ca/mines/industrie...es-graphite.jsp

La pianta di grafite naturale si apre a Terrebonne
Timcal Graphite & Carbone, una filiale della società svizzera Timcal Ltée, ha aperto uno stabilimento di lavorazione della grafite naturale a Terrebonne, Quebec. Questa struttura, la cui prima fase di costruzione è costata 12 milioni di dollari su un budget totale di 15,6 milioni di dollari, si aggiunge al sito di estrazione e produzione di grafite naturale che Timcal opera a Lac-des-Îles. Timcal ha scelto Terrebonne per assicurarsi l'ingresso diretto nel mercato nordamericano, dove già vende la maggior parte della sua produzione. Timcal Graphite & Carbone ha stabilimenti e uffici vendita in Svizzera, Belgio, Stati Uniti, Giappone, Germania e Francia. Offre una gamma completa di prodotti: grafite primaria sintetica e naturale, dispersioni, coke, grafite secondaria sintetica, nerofumo, ecc. - che vengono utilizzati in una varietà di applicazioni: energia mobile, materiali industriali, plastica, lubrificanti, refrattari e metallurgia.
+++++++
Produzione in Quebec
Timcal Canada Inc. è l'unico produttore nordamericano di grafite in scaglie cristalline. Da 1989, questa società ha sfruttato un deposito di grafite a Lac-des-Îles, a sud di Mont-Laurier. Dirige un impianto di lavorazione in loco in grado di produrre annualmente più di 25 000 tonnellate di concentrato di grafite in fiocchi. La maggior parte di questa produzione viene esportata negli Stati Uniti e in Europa per applicazioni refrattarie.
Inoltre, Timcal Canada inc. è iniziato in 2003, l'operazione di un nuovo impianto di lavorazione della grafite esfoliata a Terrebonne, vicino a Montreal.
Inoltre, sono attualmente in corso studi per valutare la redditività del deposito di Knife Lake nella regione di Fermont.
+ + + + +
sulla grafite in Canada e sulla produzione in tutto il mondo: http: //www.nrcan.gc.ca/mms/cmy/contenu/1994/33.pdf
+ + + + + + + + + + + +
La grafite naturale è una varietà di carbonio cristallizzato, come il diamante. È nero o grigio scuro, molto tenero, lucido, di aspetto leggermente oleoso, infusibile, insolubile in acidi, inodore e insapore. La grafite è atossica e praticamente inerte chimicamente. Eccellente conduttore di elettricità e calore, diventa più resistente alle alte temperature. È relativamente flessibile sotto forma di fiocchi e facile da lavorare o lavorare in forma massiccia. È difficile combinare con i metalli, tranne l'acciaio. Generalmente, la grafite si presenta in tre forme:
Microcristallino (chiamato grafite amorfa);
· Cristallino con glitter;
· Cristallino nelle vene.
La grafite prodotta in Quebec è del tipo di grafite a fiocchi cristallini. Il minerale viene estratto dalle miniere di superficie.
usi
Le grafiti naturali beneficiano di una vasta gamma di applicazioni grazie all'ampia gamma delle loro proprietà fisiche e chimiche. Le grafiti amorfe, pur essendo di gran lunga la principale fonte di grafite naturale per la carburazione dell'acciaio, sono utilizzate anche nella spolveratura di stampi per fonderia, che facilita il rilascio delle parti e le dà meglio finitura superficiale.
Per quanto riguarda le grafiti a scaglie cristalline, sono principalmente ricercate per la loro resistenza al calore: l'uso in prodotti refrattari, come mattoni di magnesia-carbonio e prodotti di allumina-grafite, nonché la fabbricazione di accessori necessari nelle operazioni di fusione, fusione e stampaggio, in particolare crogioli. Queste varie applicazioni nell'industria metallurgica rappresentano circa il 50% del consumo di grafite in tutto il mondo. Altri usi includono:
· Crogioli refrattari;
· Lubrificanti secchi;
· Batterie ed elettrodi;
· Plastica e gomma;
· Stampi per fonderia;
· Polveri metalliche;
· Pastiglie dei freni;
· Reattori nucleari;
· Vernice protettiva per metalli;
· Motori elettrici;
· Matite.

++++++++++++++++++++++++++++++++++++
Altre informazioni interessanti:
Per disegnare nelle arti plastiche:

miniera di grafite (di solito esagonale) non è coperto. È grafite nuda. Più spesso della grafite, può essere scolpito con carta vetrata (arrotondata, piatta) in modo da autorizzare aree solide.
La grafite può essere ridotta a polvere con carta vetrata o un temperamatite grande. L'applicazione può quindi essere eseguita in molti modi, un po 'come con la polvere pastello.
Altre forme di grafite:
Polvere di grafite può anche essere acquistato direttamente in questo modulo, sebbene alcuni negozi abbiano sospeso questo prodotto.
menzione grandi blocchi di grafite, informe, destinato a essere in polvere o ad essere utilizzato come su grandi superfici.
Finalmente c'è grafite sintetica colloidale il cui processo di produzione, basato sul Carborundum ®, è stato inventato da Edward Goodrich Acheson. È una miscela di olio o acqua (Oildag ® e Aquadag ®), grafite estremamente pura e sostanze organiche variabili. Viene utilizzato nell'industria come lubrificante, ma chissà se un giorno non troverà altre applicazioni?
Soluzione di grafite: tecniche originali:
Sulle tracce di Acheson, esploriamo diversi metodi di soluzione.
Fase preliminare: grafite in polvere, se necessario (vedi sopra). Le grafiti in grassetto (da HB a 9B o più) danno risultati meno sfocati e più facilmente diluibili.
La polvere può essere miscelata con
1. un'essenza
L'essenza di trementina dà risultati molto interessanti!
Devi solo mescolare la polvere con un po 'di trementina in modo da ottenere un inchiostro leggermente denso che poi diluirai a piacimento, sempre con benzina. Stendere con un pennello (altri strumenti come un panno o una spugna possono essere adatti).
Il risultato è davvero sorprendente.
Il contorno del puro "inchiostro" ricorda nel colore e nel materiale quello di un carbone molto morbido. D'altra parte, il tocco consentito dall'applicazione con un pennello è paragonabile a quello ottenuto con i soliti inchiostri. Inoltre, è possibile non solo ottenere lavaggi molto diluiti, ma anche diffondere la grafite una volta asciutta o diluirla di nuovo!
Per questo motivo, il lavoro finito deve davvero essere riparato.
Non abbiamo ancora testato la miscela di benzina di petrolio raffinata + grafite , che dovrebbe però dare risultati ampiamente paragonabili a quelli offerti dalla trementina.
2. acqua
Non esiste un matrimonio intimo tra acqua e grafite (come con il carbone).
Al contrario, le superfici ottenute sono molto eterogenee.
La diffusione a secco è realizzabile.
La riparazione alla fine del lavoro è praticamente essenziale.
3.alcool, olio , altri prodotti
... i test sono in corso ma per il momento non danno nulla di particolarmente notevole.
++++++++++++++++++++++++
Gegyx
0 x
Desiderio =>

In grado di parlare normalmente

senza essere continuamente attaccato da alcune persone, che rispettano nulla, e questa impunità.

angelo
Imparo econologic
Imparo econologic
post: 34
iscrizione: 12/10/05, 14:55

da angelo » 19/10/05, 14:36

Buongiorno,
Penso di aver scoperto da dove proviene il risparmio di carburante della miscela grafite-benzina:

Collegamento: http://www.4p8.com/eric.brasseur/carbcomb.html

"
Un blocco di carbone che brucia
Il blocco di carbone è molto caldo, riscaldato al rosso. L'ossigeno atmosferico attacca la superficie del carbone per produrre anidride carbonica (CO2). Questa reazione produce molto calore, che mantiene il blocco di carbone riscaldato al rosso:


C - CC - C #
/ \ / \ #
CC - CC #
\ / \ / #
C - CC - C # | C = O>
/ \ / \ # | C = O>
CC - CC #
\ / \ / #
C - CC - C #


Bruciare un blocco di carbone



Poiché l'anidride carbonica formata avvolge il blocco di carbonio, tende a impedire all'ossigeno presente nell'aria di raggiungere il blocco di carbonio. C'è quindi relativamente poco ossigeno che viene bruciato in un dato tempo e la combustione dura a lungo. Per essere convinto che può durare a lungo, devi solo sapere che per bruciare un chilo di carbone, hai bisogno di dieci metri cubi di aria! Per rendere il carbone più veloce e più forte, è sufficiente soffiare aria su di esso; così evacueremo come e quando l'anidride carbonica che ha avvolto il carbone. Invece di essere riscaldato in rosso, il carbone sarà riscaldato in bianco. (Puoi anche soffiare ossigeno puro sul carbone, anziché aria, che contiene 4 / 5 di azoto inerte.)

Se i gas prodotti dalla combustione sono autorizzati a fuoriuscire e raffreddarsi, lasciando arrivare pochissimo ossigeno vicino al carbone, avremo una reazione chimica incompleta: produrremo monossido di carbonio, CO, molto tossico. Per essere sicuri di evitare la formazione di monossido di carbonio, è necessario che il gas prodotto dalla combustione si trovi in ​​un dato momento nella situazione in cui allo stesso tempo è ancora molto caldo e in presenza di ossigeno non ancora bruciato. In altre parole: una volta raffreddato il gas contenente CO, il CO non si trasformerà più in CO2, anche in presenza di ossigeno. (In realtà lo fa comunque, ma molto lentamente.)

Si noti che esiste un modo per bruciare carbone rapidamente come il gas: basta ridurlo a una polvere molto fine e disperdere questa polvere, come la polvere, nell'aria, quindi accendere fuochi (causa di gravi incidenti industriali). Oppure, è sufficiente mescolare questa polvere di carbone con ossigeno liquido e dare fuoco a questa miscela (variante di un esplosivo usato nelle miniere). :D

Supponendo che la grafite mescolata con la benzina allunga la durata e migliora la combustione ???
0 x
Andre
ricercatore motore di Pantone
ricercatore motore di Pantone
post: 3787
iscrizione: 17/03/05, 02:35
x 10

da Andre » 19/10/05, 16:53

Buongiorno,
Grazie a Gegeyx
Terrebonne, non è molto lontano da casa, a un'ora di macchina, sapevo che c'era un grande consumo di grafite in una fabbrica della nostra città, le polveri metalliche del Quebec producono polvere d'acciaio, alleata rame rame grafite ect .. per realizzare pezzi stampati senza design autolubrificante. l'altro consumo è la fabbricazione dell'elettrodo di una fornace ad arco per acciaierie, in Quebec la principale produzione di acciaio è realizzata in fornaci ad arco elettrico, questa è la ragione per cui le aziende si stabiliscono qui, non perché hanno bisogno dei megwatt disponibili e del fiume per trasportare il minerale.
l'altro consumo è quello di produrre mattoni refrattari.
Ma grafite coloidale, devo scoprire questa compagnia.
quello che mescoliamo nelle polveri d'acciaio, mi sembra grande, per rimanere sospeso nel carburante. (Ho lavorato 3 anni in questa azienda per la start-up)
Andre
0 x
Avatar de l'utilisateur
gegyx
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3792
iscrizione: 21/01/05, 11:59
x 189

da gegyx » 25/10/05, 23:47

Di seguito all'articolo precedente, riassumo:

Il grafite colloidale è ottenuto
macinando la grafite naturale
È un carbonio in particelle le cui dimensioni, almeno
una dimensione, sono inferiori a circa 1 000 nm.
(1 nm = 000 micrometro = 1 micron = 1/1 millimetro)

Le grafite naturale si presenta in tre forme:
Microcristallino (chiamato grafite amorfa);
· Cristallino con glitter;
· Cristallino nelle vene.
La grafite prodotta in Quebec è del tipo di grafite a fiocchi cristallini.

Dissoluzione della grafite:
La polvere può essere miscelata con un'essenza
L'essenza di trementina dà risultati molto interessanti!
Devi solo mescolare la polvere con un po 'di trementina in modo da ottenere un inchiostro leggermente denso che poi diluirai a piacimento, sempre con benzina.
Non abbiamo ancora testato la miscela di petrolio raffinato + grafite, che dovrebbe tuttavia fornire risultati ampiamente paragonabili a quelli offerti dalla trementina.

Leggi attentamente il link completo:
http://www.nrcan.gc.ca/mms/cmy/contenu/1994/33.pdf
su grafite in Canada e produzione in tutto il mondo e trovare un'idea di approvvigionamento lì.
+++++++++++++
Avendo a disposizione grafite naturale, scelta per la sua purezza di carbonio, è sufficiente macinarla finemente in un mortaio, per ottenere la necessaria finezza di 14 micron; fare una zuppa con un po 'di benzina, che si aggiungerà al carburante.
0 x
Desiderio =>

In grado di parlare normalmente

senza essere continuamente attaccato da alcune persone, che rispettano nulla, e questa impunità.
Avatar de l'utilisateur
Khartoum
Imparo econologic
Imparo econologic
post: 38
iscrizione: 29/12/04, 23:43

da Khartoum » 30/10/05, 22:52

Non voglio fare pubblicità, ma l'ho trovato su un altro forum
tratta 400 l di carburante per circa 12 euro:

Marly C.jpg

Marly C.jpg (5.4 KB)



Lubrificante GPL e altri motori 4-temps

MARLY C è un super lubrificante destinato alla grafitazione e al trattamento anticalcare di benzina, diesel e GPL.
È particolarmente raccomandato per quest'ultimo tipo di carburante.
MARLY C può essere utilizzato anche su veicoli classici destinati alla benzina al piombo.


PROPRIETA ':

MARLY C lubrifica e pulisce le parti superiori dei cilindri, non lubrificate dal circuito dell'olio convenzionale, come:
Pareti del cilindro.
Pistoni - segmenti.
Valvole - sedi valvole.
Pompa di iniezione - carburatore.

La grafite colloidale contenuta in MARLY C forma un film protettivo su valvole, guide e sedi.

Ciò comporta una notevole riduzione dell'usura delle parti mobili. Inoltre, grazie al prodotto anticalcare contenuto in MARLY C, le camere di combustione rimangono pulite.

Grazie alla perfetta stabilità termica della grafite (+ 2000 ° C), la MARLY C resiste alle alte temperature prevalenti nel motore.

MARLY C è raccomandato per tutti i motori 4-temps: benzina, carburatore e iniezione, turbo-benzina (con o senza catalizzatore) diesel, turbo diesel, GPL.

Per i motori dotati di GPL, utilizzare TOP OILER (documentazione su richiesta).


CARATTERISTICHE:

Densità a 15 ° C: 0,865
Punto di infiammabilità: 165 ° C
Viscosità: 10 cSt a 50 ° C
Dimensione delle particelle: <0,3 micron


ISTRUZIONI PER L'USO E L'IMBALLAGGIO:

Lattina di 1L.
Graduazione 1 o 50 ml per 20L di carburante per tutti i tipi di motori.
In esecuzione o prima applicazione: raddoppiare la dose.


PREZZO :

Lattina 1L: 11,95 € TTC.
Spedizione non inclusa.
Professionisti: contattaci.
0 x
Un CX è Bo ... Ma è arrugginita !!! :(


Di nuovo a "motori speciali, brevetti, la riduzione del consumo di carburante"

Chi è in linea?

Utenti che lo stanno visitando forum : Nessun utente registrato e ospite 12