Il bacillo Perfringens all'origine del petrolio

Il dottor Jean LAIGRET scopre l'origine del petrolio

L'Alger Républicain del 28 agosto 1947, testo riprodotto integralmente. Per leggere l'articolo originale, clicca sull'immagine.

Olio Laigret Algeri

Il microbo A 5029 che causa la fermentazione degli acidi grassi produce petrolio.

Dalla penna del signor André Cohen-Hadria, il nostro collega stampa Tunisia Commentando questa scoperta, le conseguenze possono essere immenso.

Sapevamo che all'Institut Pasteur di Tunisi ci sono scienziati il ​​cui lavoro ha sempre portato a scoperte di interesse mondiale.

Sapevamo anche che i discepoli e collaboratori del grande Charles Nicolle, animati dallo stesso desiderio di "trovare", questi eminenti studiosi Pasteur e per di più continua ricerca nei più diversi campi scientifici.

Due settimane fa, il professor Georges Bertrand, membro dell'Accademia delle scienze, ha presentato ai suoi colleghi una nota del dottor Jean Laigret, dell'Institut Pasteur di Tunisi.

Questa nota riportava alcuni lavori che hanno portato alla scoperta di un microbo molto particolare, un microbo del suolo, che ha la proprietà - fino ad ora sconosciuta - di trasformare la materia organica in idrocarburi.

Gli esperimenti intrapresi dal dottor Jean Laigret continuarono per due anni e portarono solo alla produzione del più semplice carburo, il gas metano.

Il risultato ottenuto ha però ribaltato tutte le teorie sull'origine del metano che fino ad allora si era creduto dovute alla decomposizione della cellulosa nelle piante. Inoltre, la natura, è stato aggiunto, necessitava di tutta una serie di interventi microbici più o meno complessi per ottenere questa trasformazione della cellulosa in gas.

Al contrario, il lavoro del dottor Laigret ha dimostrato che la cellulosa non aveva nulla a che fare con la produzione di metano e che si trattava piuttosto di una vera e propria fermentazione di quelli che chiamiamo acidi grassi. È importante sottolineare che un singolo microbo, in coltura pura, è in grado di produrre la fermentazione del metano. È il bacillus perfringens ceppo A 5029.

È così possibile produrre in laboratorio notevoli quantità di un ottimo gas combustibile, avente tutte le proprietà del gas di accensione, con minore tossicità, essendo il metano assolutamente privo di monossido di carbonio.

Fu il 24 settembre 1945 che i risultati di questo lavoro furono comunicati all'Accademia delle Scienze.

Leggi anche:  Brevetto dottore Laigret

Abbiamo scoperto l'origine dell'olio

origini di olio

La ricerca era lì, quando una serie di deduzioni diede al dottor Laigret la certezza che lo stesso microbo produceva l'olio. Dove si trova metano potrebbe non esserci petrolio, ma ogni volta che viene trovato petrolio, il metano si trova nelle vicinanze.

Il nostro scienziato ha quindi intrapreso nuovi esperimenti, nelle stesse condizioni, con lo stesso microbo, ma condotti verso un acido grasso superiore, verso l'acido oleico più importante di tutti i grassi vegetali e animali.

Il dottor Laigret usava quindi molto semplicemente come materia prima, l'olio d'oliva o meglio il comune sapone preparato con l'olio d'oliva.

Perché il dottor Laigret preferiva il sapone? Perché questo grasso è solubile, mentre l'olio, immiscibile con l'acqua, non può essere facilmente fermentato dal microbo. In queste condizioni non si formava più metano, ma si vedeva apparire sulla superficie del mezzo fermentato un liquido immiscibile con l'acqua, abbastanza scuro, quasi nero, con un riflesso ambrato.

Questo liquido è risultato essere combustibile.

Era il 13 giugno. Un mese dopo, il 13 luglio, non appena gli esperimenti di laboratorio furono in grado di produrre una quantità sufficiente, un campione del liquido fu inviato al servizio minerario, dove il signor Jouin, ingegnere, capo del laboratorio, gentilmente eseguì il analisi, test per il quale ha la massima competenza, poiché è lui che dirige tutte le analisi della ricerca petrolifera. L'esame ha confermato le ipotesi del dott. Laigret: il liquido ottenuto era il petrolio, con tutte le caratteristiche dell'estrazione del greggio.

Questo olio inizia a fornire, per distillazione, benzina da una temperatura di 163 ° con una frazione massima che passa verso i 300 °.

Leggi anche:  Tempi e il progresso del progetto Laigret

Tutte queste caratteristiche hanno quindi permesso di classificare il liquido nella categoria di quello che nell'industria petrolifera viene chiamato gasolio.

Gli esperimenti sono proseguiti presso l'Istituto Pasteur di Tunisi in cinque differenti fiasche che hanno dato gli stessi risultati e che attualmente operano “in continuo” aggiungendo quotidianamente sapone.

Un grammo di sapone fornisce regolarmente olio 1 cm3, circa, al giorno.

Il mistero viene cancellato

Il dottor Laigret attraverso i suoi esperimenti ha quindi fatto alla scienza un notevole passo avanti: ha chiarito il mistero dell'origine del petrolio. Fino ad ora, di tutte le ipotesi avanzate sulla formazione del petrolio nel sottosuolo, nessuna si era rivelata soddisfacente e soprattutto nessuna era stata oggetto di una bozza di conferma sperimentale.

È quindi dimostrato che il petrolio è il prodotto della fermentazione microbica. Proprio come certi microbi, ad esempio i lieviti, producono l'alcol, o l'aceto di fermentazione acetica, c'è un microbo, il fermento del petrolio che trasforma il grasso in idrocarburi.

Questa trasformazione è stata eseguita e continua ad essere eseguita in laboratorio.

Cosa sorprendente - e qui sta uno degli interessi della scoperta - la fermentazione che genera il petrolio è rapida, rapida quanto quella che produce alcol: una volta avviata dopo pochi giorni, la fermentazione del sapone provvede in 24 ore e regolarmente, la quantità di petrolio greggio corrispondente al sapone introdotto nella vasca.

È essenziale sottolineare, inoltre, che il lavoro del dott. Laigret non ha alcun collegamento con la produzione di olio sintetico in Germania. I tedeschi, quanto a loro, sono partiti dal monossido di carbonio, crediamo, per ottenere idrocarburi mediante reazioni chimiche.

La portata di questa scoperta

Le conseguenze della scoperta del dottor Laigret sono duplici; sono, da un lato, dottrinali e dall'altro pratici. Da un punto di vista dottrinale, il lavoro del dottor Laigret è una conseguenza lontana ma diretta delle scoperte di Pasteur.

Questa è una nuova pagina che si aggiunge al lavoro del grande scienziato francese sul ruolo dei microbi nella fermentazione.

E 'stato sicuramente lontano da prevedere che gli oli sarebbe venuto un giorno nella categoria dei prodotti naturali derivanti dalla fermentazione batterica.

Leggi anche:  Biologico olio Laigret: sintesi del suo lavoro

Sul piano pratico, cioè economico, la scoperta si preannuncia suscettibile, prima o poi, di applicazioni il cui interesse nazionale non sfuggirà a nessuno. Per questo il dottor Laigret, quando siamo andati a disturbarlo nel suo ufficio all'Institut Pasteur, è stato molto discreto su molti punti della sua esperienza.

Si può dire, tuttavia, che il suo lavoro, dopo alcuni necessari aggiustamenti, faciliterà principalmente la prospezione petrolifera. È ovvio che le indagini che riportano campioni di suoli dove non è possibile rilevare il microbo del petrolio saranno indagini quasi infruttuose: allo stesso modo suoli che si trovano a contenere sostanze chimiche - e in particolare sali - che s ' opporsi alla fermentazione che produce petrolio.

La grande domanda sarà per lo più produrre in quantità industriale, olio di fermentazione. Ma questa produzione su larga scala si basa sulla disponibilità di grassi vegetali o animali.

Si tratterà quindi di trovare grassi, al miglior prezzo possibile, e, per quanto possibile, grassi che non entrino nella fornitura di popolazioni già gravemente tese.

A tal proposito, verrà segnalato il decreto che vieta la coltivazione della soia in Tunisia per consentire l'estensione della nuova industria in Tunisia?

Ovviamente sarà necessario un nuovo lavoro prima di pensare alle applicazioni pratiche, su larga scala, della scoperta del Dr. Laigret. Si tratterà quindi di provocare una stretta collaborazione tra chimici e batteriologi che creerà un'industria dell'olio di fermentazione.

Sono finiti gli intrighi tra le nazioni per tenere i pozzi d'oro nero. Le nazioni svantaggiate dalla natura potranno produrre il proprio petrolio. E comprendiamo tutto l'interesse offerto per la Francia dalla scoperta che dobbiamo oggi al dottor Jean Laigret, dell'Istituto Pasteur di Tunisi. corrente alternata

Altro:

- Un articolo S&V del 1949: Biomasse e olio sintetico, lavorare Laigret
- Presentazione progetto Laigret
- Argomento su forums: olio rinnovabile e verde per Laigret
- La documentazione sul petrolio Laigret

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *