Terra congelata da una nuvola stellare

La teoria della "palla di neve" della Terra descrive la completa glaciazione della Terra da 600 a 800 milioni di anni fa. Per spiegare questo cataclisma, Alexander Pavlov, dell'Università del Colorado Boulder, e i suoi colleghi propongono in Geophysical Research Letters una nuova ipotesi. I ricercatori suggeriscono che meno di un miliardo di anni fa, il nostro sistema solare ha attraversato, per un periodo di circa 500 000 anni, una nuvola interstellare moderatamente densa che ha provocato un aumento del flusso di raggi cosmici anormali. o ACR (Anomalous Cosmic Ray).
Questi ACR sono ioni, risultanti dalla fotoionizzazione o dagli scambi di carica sui gas neutri della nuvola interstellare e dall'accelerazione dovuta alle collisioni che si verificano quando escono dal vento solare. Tuttavia, secondo i modelli al computer degli autori dello studio, aumentare il flusso di RTA per un milione di anni avrebbe potuto essere sufficiente per interrompere completamente la stratosfera terrestre.
Durante questo periodo, è infatti possibile che un'inversione dei poli magnetici della Terra abbia favorito la penetrazione atmosferica dei raggi cosmici in quantità maggiori, il che avrebbe a sua volta contribuito a formare più ossidi di azoto (NOx ). Le concentrazioni di questi gas moltiplicate per 100 tra 20 e 40 km di altitudine potrebbero aver distrutto 40% dello strato protettivo di ozono (questa cifra che sale a 80% nelle regioni polari).
Pertanto, la combinazione di scarsa luminosità dovuta alla nuvola interstellare e uno strato di ozono molto piccolo potrebbe spiegare una totale glaciazione della superficie terrestre. Per convalidare questa teoria, i ricercatori ora si concentreranno sull'analisi dei livelli di uranio 235 nelle rocce di questo tempo lontano (l'U235 non è prodotto naturalmente sulla Terra ma è presente nelle nuvole stellari).

Leggi anche: Spagna solare

LAT 05 / 03 / 05 (una nuvola massiccia potrebbe aver congelato la terra)
http://www.agu.org/pubs/crossref/2005/2004GL021890.shtml
http://www.agu.org/pubs/crossref/2005/2004GL021601.shtml
http://www.nasa.gov/home/hqnews/2005/mar/HQ_05066_giant_clouds.html

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *