La domanda globale di energia aumenterà del 60% entro il 2030

Nel suo rapporto su “World Energy Outlook 2004” pubblicato il 26 ottobre, l'Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA) traccia un quadro del settore energetico nel mondo per i prossimi 10 anni.

La domanda globale di energia dovrebbe aumentare di quasi il 60% entro il 2030 "Il mondo non è ancora a corto di petrolio", ritiene l'organizzazione, per la quale in generale le risorse sono "più che sufficienti "per
soddisfare la domanda futura.

Ma l'impennata dei prezzi del petrolio e del gas, la crescente instabilità nelle rotte di approvvigionamento e l'aumento delle emissioni di anidride carbonica sono segni di "notevoli disordini nel mondo della finanza". energia ”, aggiunge Claude Mandil, direttore esecutivo dell'AIE, un'organizzazione che riunisce i paesi industrializzati consumatori di petrolio.

L'AIE considera il prezzo del petrolio una "notevole fonte di incertezza". Lo scenario di un prezzo elevato, cioè un barile a 35 dollari in media, porterebbe ad una diminuzione della domanda del 15% entro il 2030, che corrisponde ai consumi attuali negli Stati Uniti. . Si noti che il prezzo attuale di un barile di petrolio a New York è di circa $ 56.6 ...

Leggi anche:  Fukushima al livello 7 dell'INES: disastro industriale o l'inizio della fine dell'Antropocene?

Secondo l'AIE, da qui al 2030 i combustibili fossili, primo fra tutti il ​​petrolio da 121 Mbj (milioni di barili / giorno), rappresenteranno l'85% dell'aumento della domanda globale. Due terzi dell'aumento proverranno dalla domanda dei paesi emergenti, come Cina e India.

Il consumo di gas naturale dovrebbe raddoppiare entro il 2030, mentre la quota di carbone e nucleare dovrebbe diminuire.

Un possibile scenario alternativo?

La domanda globale potrebbe essere inferiore del 10% se ci fosse "un'azione politica vigorosa" per la protezione ambientale e la sicurezza energetica.

In questo caso, la dipendenza dei paesi consumatori dal Medio Oriente sarebbe ridotta. Così, la domanda di petrolio diminuirebbe di un volume pari alla produzione attuale di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Nigeria. Allo stesso modo, le emissioni di biossido di carbonio sarebbero inferiori del 16% rispetto allo scenario di base, che è quello che emettono attualmente Stati Uniti e Canada.

Leggi anche:  Stasera su Arte: Planète en Panne, quali energie per domani?

Tuttavia, sembra molto difficile credere in uno scenario del genere data l'inerzia delle nostre società.

Altro: consumo energetico globale

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *