Gli ecosistemi e il riscaldamento globale

La sensibilità degli ecosistemi ai cambiamenti globali

Parole chiave: cambiamenti, clima, biodiversità, specie, minaccia, studi

Uno studio condotto da diversi laboratori europei, tra cui il Laboratorio di ecologia alpina (CNRS - Université Grenoble 1 - Université Chambery), mostra che la sensibilità degli ecosistemi ai cambiamenti globali potrebbe aumentare la vulnerabilità di alcune regioni europee entro la fine del 21 ° secolo. secolo. Questa vulnerabilità sarebbe il risultato di un declino della biodiversità, della fertilità del suolo o delle risorse idriche. Questo fenomeno interesserebbe più particolarmente le regioni mediterranee e montane. Questo lavoro è stato pubblicato su Science Online il 27 ottobre 2005.

A seconda della regione, questa riduzione dei servizi ecologici può o non può essere controbilanciata dai benefici dell'aumento della produttività delle colture e delle foreste bioenergetiche, dell'area forestale o delle aree liberate dall'agricoltura per la ricreazione o la conservazione della foresta. biodiversità. Queste previsioni si basano sulla modellazione della risposta dei servizi ecologici a scenari di cambiamento climatico, contenuto di anidride carbonica atmosferica e uso del suolo, derivati ​​dagli scenari dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (GICC).

I risultati di questa modellizzazione rappresentano possibili futuri basati su ipotesi sugli orientamenti della società globale e sulle loro conseguenze in termini di politiche energetiche. È unico in Europa per il numero di scenari e modelli considerati e per la diversità dei servizi ecologici analizzati in consultazione con i settori socioeconomici interessati.

Gli scenari climatici considerati mostrano forti variazioni interregionali ma, nessuno escluso, contribuiscono ad un riscaldamento di 2,1-4,4 ° C in media sull'Europa, particolarmente marcato nelle regioni settentrionali. Le proiezioni di variazione delle precipitazioni sono molto incerte, ma tutti gli scenari considerati comportano una diminuzione delle precipitazioni al sud, soprattutto in estate, mentre aumenterebbe al nord.

I fatti predittivi più importanti sono:

  • Le opportunità di adattare la produzione di energia verso strategie più sostenibili attraverso le colture bioenergetiche sarebbero forti per le regioni del nord Europa, ma limitate nel sud a causa della siccità.
  • Allo stesso modo, la produzione forestale aumenterebbe complessivamente in Europa, e in particolare nel nord, sotto l'effetto combinato dell'aumento della produttività per clima e CO2, e delle superfici disponibili. Nonostante questo potenziale aumento, le decisioni di gestione selvicolturale continuerebbero a regolare la produzione sotto l'influenza dei mercati e delle politiche pubbliche. Per le regioni del Mediterraneo si aggiungerebbero rischi legati al forte aumento degli incendi.
  • Il previsto aumento della popolazione e il cambiamento climatico ridurrebbe la disponibilità di acqua per molte regioni già carenti, specialmente nella regione mediterranea. Questi effetti sarebbero ulteriormente accentuati dalla crescente domanda di irrigazione e turismo. Inoltre, i cambiamenti nei regimi idrologici nelle regioni di montagna derivanti dalla diminuzione delle precipitazioni sotto forma di neve porterebbero a una ridotta disponibilità durante i periodi estivi (ad esempio per l'irrigazione e la produzione idroelettrica), mentre i rischi le maggiori inondazioni invernali aumenterebbero.
  • La diminuzione del manto nevoso interesserebbe anche il turismo nelle regioni di montagna, accentuando una situazione già osservata oggi.
  • Gli effetti sulla biodiversità sarebbero particolarmente acuti, con perdite locali che potrebbero superare il 50% delle specie vegetali attualmente presenti nelle regioni più sensibili come le catene montuose e la regione mediterranea. A seconda delle capacità intrinseche delle specie di migrare come hanno fatto dopo le glaciazioni e delle barriere rappresentate dai cambiamenti nei paesaggi causati dalle attività umane (ad es. Agricoltura, urbanizzazione), queste perdite di specie possono o non possono essere compensate. dall'arrivo di nuove specie, ad esempio nelle regioni temperate o boreali. Ad ogni modo, molte regioni vedrebbero la loro flora, e quindi i loro paesaggi cambieranno radicalmente.
  • La combinazione dell'aumento della produttività primaria, in particolare della silvicoltura, e della riduzione dei terreni agricoli consentirebbe inizialmente di aumentare l'attuale serbatoio di carbonio. Questa tendenza sarebbe invertita a partire dal 2050 dagli effetti dell'aumento della temperatura.
  • Gli scenari più orientati "economici" tendono a produrre gli effetti più gravi per tutti i servizi esaminati. Tuttavia, anche per gli scenari più proattivi in ​​termini di ambiente, e quindi i meno gravi in ​​termini di cambiamento climatico, gli impatti su alcuni servizi come la biodiversità, la disponibilità di acqua o la fertilità organica del suolo rimangono significativi. .

In questa ricerca collaborativa, il team di Sandra Lavorel del Laboratorio di ecologia alpina di Grenoble, ha portato le proprie competenze nel campo del lavoro svolto sulla biodiversità. Ha anche partecipato alla modellazione degli scenari di utilizzo del suolo.

Riferimenti:

Fornitura di servizi ecosistemici e vulnerabilità al cambiamento globale in Europa. Schröter, D., Cramer, W., Leemans, R., Prentice, IC, Araújo, MB, Arnell, NW, Bondeau, A., Bugmann, H., Carter, TR, Garcia, CA, de la Vega-Leinert , AC, Erhard, M., Ewert, F., Glendining, M., House, JI, Kankaanpää, S., Klein, RJT, Lavorel, S., Lindner, M., Metzger, MJ, Meyer, J., Mitchell, TD, Reginster, I., Rounsevell, M., Sabaté, S., Sitch, S., Smith, B., Smith, J., Smith, P., Sykes, MT, Thonicke, K., Thuiller, W., Tuck, G., Zaehle, S. e Zierl, B. (2005). Science Online, 27 ottobre 2005.

Contatti:

Contatti di ricerca:
Sandra Lavorel - Tel: 04 76 63 56 61 - Email: sandra.lavorel@ujf-grenoble.fr
Wilfried Thuiller - Tel: 04 76 51 42 78 - E-mail: thuiller@sanbi.org

Contatta il Dipartimento di Scienze della vita:
Jean-Pierre Ternaux - Tel: 01 44 96 43 90 - Email: jean-pierre.ternaux@cnrs-dir.fr

Contatto stampa:
Martine Hasler - Tel: 01 44 96 46 35 - Email: martine.hasler@cnrs-dir.fr

Fonte

Leggi anche:  Clima: geoingegneria, quando gli umani cercano di limitare il riscaldamento globale

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *