Effetto serra, va male

Il permafrost nell'estremo nord si scioglie a una velocità impressionante e può rilasciare alcuni dei gas serra intrappolati sotto.

Rischiamo la fuga termica del pianeta. È urgente.

Ho scoperto questo fenomeno nel dicembre 2004 in un rapporto di ricerca raccontato sulla rivista Research Files, (numero trimestrale novembre 2004-gennaio 2005 pagine 58-61). Questo fenomeno mi è stato confermato oggi da Corinne Lepage che ha partecipato a una conferenza sull'argomento.

In questo articolo, hai tutti gli elementi per documentarti con precisione. Ho chiesto al presidente dell'associazione uspermafrost, Vladimir Romanovsky, di avere un seguito degli eventi attuali sull'argomento e una corrispondenza permanente.

In questo articolo, viene efficacemente spiegato che il permafrost (terreno ghiacciato sotto il quale è presente vegetazione in decomposizione che genera metano (potente gas serra e molto più potente della CO2) e immagazzina 400 miliardi di tonnellate di gas serra chiedendo solo di essere emesso)) scioglie ad una velocità sorprendente tutti gli osservatori del nord canadese, in Svezia, in Siberia, ecc… È la velocità del fenomeno che stupisce. Lo scongelamento del permafrost è 3 volte più veloce rispetto a XNUMX anni fa. La velocità del disgelo continua ad aumentare (c'è quindi un'accelerazione del fenomeno).

Leggi anche:  2004 tra gli anni più caldi in un secolo

Il permafrost (qualsiasi terreno congelato per più di due anni a est), costituisce un quarto della superficie terrestre dell'emisfero settentrionale. Edifici crollati, condutture rotte e altre infrastrutture danneggiate sono stati visti in Alaska e in Siberia. Siamo in un circolo vizioso e in fuga nella direzione sbagliata. Se questo è accentuato, non sappiamo più dove stiamo andando in termini di equilibrio radiativo della terra e quindi di temperatura. Contatterò questi ricercatori per il follow-up. Esiste già un sito web www.uspermafrost.org

I nomi dei ricercatori sono: Phil Camill, ricercatore specializzato in ecologia vegetale al Carleton College di Northfield, Minnesota e osservatore del Nord Manitoba in Canada. Vladimir Romanovsky, geologo dell'Università dell'Alaska. Lawson Brigham della Commissione per la ricerca artica degli Stati Uniti a Fairbanks. Torben Christensen dell'Università di Lund in Svezia

Fonte : Dominique urlò

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *