Meno di un decennio è rimasto per salvare il pianeta

C'è meno di un decennio per evitare una catastrofica perturbazione del clima terrestre, afferma un ampio studio che sarà pubblicato martedì.

Scritto da un ampio gruppo di scienziati, ex politici ed economisti, questo rapporto, soprannominato "Incontro con il cambiamento climatico", fissa a dieci anni, "o anche meno", il punto di non ritorno al clima. oltre il quale le emissioni di gas serra porteranno a un aumento disastroso della temperatura per il pianeta.

Secondo questo studio, la Terra raggiungerà questo stadio quando la temperatura media sarà aumentata di 2 gradi rispetto al periodo precedente la rivoluzione industriale del 18e secolo.

Tuttavia, da quel momento, il pianeta ha già guadagnato in media 0,8 gradi. "Il mondo ha quindi solo un piccolo margine di margine prima che venga raggiunto il punto di non ritorno", avvertono gli autori dello studio.

Per loro, la Terra avrà raggiunto questo punto di non ritorno quando la sua atmosfera contiene 400 parti di CO2 per milione (ppm). Oggi contiene già 379 ppm, un livello che aumenta di 2 ppm ogni anno, afferma lo studio.

Leggi anche:  Cambio di aspetto!

Un riscaldamento della Terra di oltre 2 gradi causerà gravi interruzioni nella produzione agricola, gravi siccità, un aumento delle epidemie, la morte delle foreste, la scomparsa di diverse specie animali e vegetali, nonché un aumento del livello di mari.

"Una bomba ecologica a orologeria è in arrivo", avverte Stephen Byers, ex ministro dei trasporti del Regno Unito e membro del gruppo di esperti dietro il rapporto, che arriva quando Tony Blair inizia la sua presidenza del G8, durante il quale egli si è impegnato a far fronte al cambiamento climatico.

Il rapporto raccomanda con urgenza che i paesi di questa organizzazione producano, entro il 2025, un quarto della loro elettricità da fonti rinnovabili e di raddoppiare entro il 2010 i budget di ricerca dedicati alle energie non fossili.

“Sono gli investimenti che stiamo facendo da ora in poi e nei prossimi 20 anni che ci consentiranno di stabilizzare il clima. Non quelli su cui accetteremo entro la metà del 21 ° secolo o oltre ", conclude Tom Burke, ex consulente ambientale di Tony Blair e anche membro di questo panel.

Leggi anche:  Risparmio energetico: domande frequenti

Fonte : http://www.lalibre.be/

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *