Gli Stati Uniti non avranno finalmente firmato la condanna a morte per il clima a Montreal

Anche se sembrava piuttosto brutto, la conferenza di Montreal è stata teatro di due vittorie: la sopravvivenza di Kyoto dopo il 2012 e l'impegno degli Stati Uniti a discutere la lotta al riscaldamento globale.

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che ha riunito 9.400 persone, si è conclusa il 9 dicembre dopo 15 giorni di difficili negoziati.
Diversi paesi, tra cui Canada e Francia, mercoledì hanno invitato gli Stati Uniti a smetterla di stare ai margini degli sforzi internazionali per combattere il riscaldamento globale. Il primo ministro canadese Paul Martin ha affermato mercoledì che l'effetto serra richiede una risposta globale. Nessuna nazione può isolarsi dalla comunità internazionale di fronte al riscaldamento globale, ha detto, accogliendo un centinaio di ministri dell'ambiente.

Per saperne di più

Leggi anche:  La sesta estinzione di massa

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *