Nucleare e filosofica

Questo articolo riguarda la politica nucleare francese e l'energia nucleare più in generale.

Parole chiave: nucleare, energia, elettricità, politica, potere, rifiuti, Eric Souffleux

centrale nucleare

 Ecco i dati che devi tenere a mente per discutere di nucleare.

Come vedrai, mi sono ulteriormente evoluto, chiarito la mia posizione:

- Innanzitutto mi rendo conto che essendo "nucleo-tollerante" sono l'unico in grado di rilanciare il dibattito sul nucleare. I professionisti sono a favore e caricano la posizione dei professionisti. I contro sono contrari e anche la caricatura della loro posizione. È difficile avere un dibattito obiettivo se siamo nell'uno o nell'altro di questi campi. Quindi mi sembra importante che prima di qualsiasi dibattito che inizi, dovrai spassionare il dibattito e invitare i protagonisti all'ascolto e alla moderazione. Ecco un prerequisito che secondo me piacerà al tuo insegnante di filosofia.

- Quando poi si parla di nucleare, e in particolare dei suoi rischi, è opportuno confrontarli con i rischi che correremo con l'effetto serra. È assolutamente obbligatorio confrontare la pericolosità dei rifiuti nucleari (confinati e di tonnellaggio relativamente basso rispetto ad altri prodotti chimici che utilizziamo quotidianamente in agricoltura e in chimica o petrolchimica) e dei rifiuti: anidride carbonica che oggi non conteniamo e di cui affidiamo a Madre Natura la cura.

- In relazione al problema climatico e in particolare l'argomento degli antipopolari che affermano che l'energia nucleare produce il 7% dell'elettricità nel mondo (e meno del 3% dell'energia totale consumata) e che quindi è marginale, che non lo renderebbe una soluzione all'effetto serra. Quello che si deve capire, infatti, è che l'80% dell'elettricità è prodotta da combustibili fossili e che, grosso modo, deve essere ridotta di un fattore da 2 a 4 (a seconda dell'evoluzione di altri settori e della demografia) la quota di elettricità di origine fossile. Ciò significa che senza ridurre o aumentare la quota nucleare esistente, la quota nucleare dovrebbe aumentare probabilmente dal 30 al 40% dell'elettricità prodotta. Il resto è prodotto da energia rinnovabile e una piccola percentuale da combustibili fossili.

Quindi l'energia nucleare è certamente marginale oggi, ma è improbabile che rimanga tale se mettiamo la lotta al cambiamento climatico al di sopra del resto.

- Tuttavia, non dobbiamo cadere in un beato nucleare. Mi piace molto il riflesso di Hubert Reeves che afferma che "l'energia nucleare è energia per gli angeli". Vale a dire, l'energia nucleare dovrebbe essere utilizzata per usi limitati e saggi, perché le persone non sono immuni alla negligenza. La maggior parte degli incidenti e degli incidenti nucleari sono causati da errori umani. Ma gli uomini sono quello che sono, ci sarà sempre un alto rischio nel farlo. Limitando la necessità di energia nucleare, limiteremo i rischi a noi stessi. A mio parere, è importante mostrare l'inefficienza del riscaldamento elettrico e il suo impatto sulla centrale nucleare in Francia. Per far fronte ai picchi di consumo in inverno, la flotta della centrale deve essere sovradimensionata, il che incoraggia i rifiuti al di fuori di questi periodi e aumenta i rischi nucleari in modo sconsiderato. Per l'acqua o il riscaldamento domestico c'è una soluzione per il futuro: il riscaldamento solare abbinato al riscaldamento a legna. Non si tratta di difendere il riscaldamento a gas o ad olio combustibile, che sono molto nocivi dal punto di vista delle emissioni di gas serra.

- È quindi necessario, e questo è un aspetto essenziale del dibattito, sapere cosa faremo del nucleare. Personalmente escludo la mission del riscaldamento dell'acqua e del riscaldamento della casa (e anche dell'aria condizionata, andiamo in entrambe le direzioni ovviamente). Per cosa dovrebbe essere usata l'energia nucleare? Ad esempio, dovremmo sviluppare l'energia nucleare per sviluppare la flotta di auto elettriche? (A mio parere, è una corsa precipitosa.) Credo che l'energia nucleare dovrebbe essere riservata a tre cose:

1) Fornire abbonati alla rete un massimo di 15 kWh a settimana e per persona, che esclude i picchi di consumo del tipo a riscaldamento elettrico. (Il che farebbe 780 KWh all'anno e per persona e quindi in Francia (60 milioni di abitanti) 46 800 000 kWh o 000 TWh. Per l'ordine di grandezza, EDF ha prodotto l'anno scorso circa 46 TWh ( ci devono essere 500 TWh di dati sull'export da verificare, ma gli ordini di grandezza ci sono) Quindi a priori razionando l'elettricità in questo modo, dovremmo dividere per dieci il parco della centrale esistente!) quindi: cosa si può fare con 60 kWh a settimana? Ho impostato questa soglia di 15 kWh perché misurando il mio consumo energetico, e anche quello di Eva, ho scoperto che eravamo a 15 kWh a settimana per due. Quindi possiamo vivere molto normalmente con 20 kWh poiché come tutti gli altri abbiamo il computer, la TV, la luce (ma non il riscaldamento!) E una lavatrice (quindi parte dell'elettricità che abbiamo consuma serve per riscaldare l'acqua a 15 ° C). A casa, un razionamento di 40 kWh a settimana e per persona significherebbe che avresti diritto a 15 kWh * 15 persone = 6 kWh a settimana (e quindi 90 kWh all'anno!). Secondo me, è un'iniziativa civica essenziale per sentire il tuo consumo di energia.

2) Altro uso: fornire elettricità per tram, treni e tutti i sistemi di trasporto pubblico elettrico (ascensori, scale mobili, ecc.). L'elettricità nucleare viene quindi accoppiata con l'energia idraulica (che fornisce già un buon terzo dell'elettricità consumata da SNCF). Immagino che a livello di ordini di grandezza, da 2 a 5 reattori da 1000 MW dovrebbero essere sufficienti ma è necessario verificare.

3) E infine l'energia nucleare deve esserlo la fondazione dell'industria delle energie rinnovabili. Dobbiamo usare l'energia nucleare per produrre grandi quantità di pannelli solari e per alimentare macchine utensili con ciò che rimarrà della nostra industria edile, turbine eoliche, automobili efficienti, biciclette…. Quanti reattori? Probabilmente tanto quanto fornire i mezzi pubblici: da 2 a 5?

Ricapitoliamo:
Escludo usi nucleari:
- riscaldamento dell'acqua calda sanitaria (solare e biomasse devono essere sufficienti)
- climatizzazione domestica (coibentazione rinforzata, architettura bioclimatica e razionamento zone living climatizzate)
- e poi, dimenticavo prima, l'illuminazione continua di strade e cartelli pubblicitari!

Dedico energia nucleare alle seguenti missioni:
- fornire una base elettrica tutto l'anno nell'ordine di 15 kWh a settimana e per abitante. (6 reattori da 1000 MW)
- fornire energia elettrica ai trasporti pubblici (e anche merci) elettrici (4 reattori da 1000 MW)
- fornire energia elettrica alla nostra industria ed in particolare a quella delle energie rinnovabili (4 reattori da 1000 MW)

Mappa nucleare della Francia e trattamento dei rifiuti

Quanti reattori in Francia oggi? 58. Quanto dovremmo aver bisogno di questa strategia? 14!

Poi arriva un'altra domanda: che tipo di reattore nucleare?
Sono un grande difensore dei reattori autofertilizzanti perché hanno la migliore efficienza e il miglior rapporto di energia prodotta per grammo di uranio.

Va spiegato che i reattori nucleari odierni consumano principalmente uranio leggero (U235) che rappresenta meno dell'1% dell'uranio presente nelle miniere. I reattori breeder consumano quasi tutto l'uranio (la loro resa è da 60 a 100 volte migliore) ma hanno bisogno di un iniziatore di reazione: il plutonio dai reattori convenzionali e anche dal breeder (da cui il nome) , dopo il ritrattamento dei rifiuti (stabilimento di La Hague).
Quindi logicamente dovremmo dire a noi stessi che la maggior parte dei 14 reattori che raccomando dovrebbero essere del tipo allevatore. Possiamo lasciare da 1 a 3 reattori a neutroni lenti come quelli di oggi o come quello del tipo EPR.

principio di funzionamento di un reattore nucleare EPR REP

E l'ultima cosa da vedere è la quota di energie rinnovabili che può sostituire parte di questi reattori, tenendo conto dell'intermittenza della maggior parte di queste energie.

Alla fine (30 anni? 60 anni? 160 anni?) L'intero parco deve essere fermato e completamente sostituito da centrali solari abbinate allo stoccaggio di energia elettrica sotto forma di idrogeno. Ma è probabile che la creazione di un tale sistema richieda molto tempo e ci sono così tante altre aree in cui è necessario risparmiare energia.

Maggiori informazioni sull'energia nucleare:
Fusione nucleare
reattori nucleari

Leggi anche:  Alte tecnologie ed inutile consumo di energia

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *