Gli scenari catastrofici che stanno soffocando l'Europa

Incendi, inondazioni, riduzione della copertura nevosa, la scomparsa di metà delle specie vegetali ... Queste sono alcune delle celebrazioni per l'Europa previste nel rapporto supervisionato dall'Istituto tedesco per la ricerca sull'impatto climatico di Potsdam (Pik ). La sua conclusione principale? Le regioni montuose e mediterranee dovrebbero essere quelle che soffriranno di più nell'orizzonte 2080.

Quattro scenari. Questo articolo, pubblicato giovedì sulla rivista Science, riunisce il lavoro di sedici istituti di ricerca europei sulle conseguenze in Europa dei cambiamenti climatici, il contenuto atmosferico di CO2 e l'uso del suolo. Questo studio si basa su quattro scenari sviluppati dal gruppo di esperti delle Nazioni Unite sul clima (IPCC), in base all'evoluzione delle politiche economiche ed energetiche. Tutti si aspettano un riscaldamento da 2,1 a 4,4 ° C in media in Europa tra settant'anni. Per Stéphane Hallegatte, economista ambientale presso lo Stanford Institute for International Studies e l'Ecole des Ponts et Chaussées, questo studio non è "pubblicato sulla scala della valutazione. Riunire in un'unica cornice ricercatori di orizzonti diversi può evidenziare alcune interazioni che lo stress idrico non può essere disconnesso dall'agricoltura: se ci sono riserve idriche possono irrigare, altrimenti è impossibile. Inoltre, gli strumenti sono più sofisticati di quelli utilizzati da studi precedenti.

Leggi anche: Prospettive energetiche globali per il 2030

Per saperne di più

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *