Mauritania e petrolio

La Mauritania affronta il miraggio del petrolio

Desolato, confinante con l'Oceano Atlantico, popolato da solo 2,7 milioni di abitanti, la Mauritania fa parte del club non investito di paesi poveri fortemente indebitati. Negli ultimi anni, una speranza anima i mauritani: sono stati scoperti giacimenti petroliferi nelle acque territoriali, a circa 90 chilometri di costa, di fronte a Nouakchott, la capitale.

La Mauritania sta cambiando. Dall'annuncio della scoperta del petrolio, i consulenti internazionali hanno messo piede a Nouakchott, gli occidentali alla partenza decidono di rimanere, il potere è agitato. Il presidente Maaouya Taya, al potere da un colpo di stato nel 1984, rieletto da allora, ha appena promesso un aumento spettacolare degli stipendi dei dipendenti pubblici. Le voci si gonfiano; stiamo parlando di riserve equivalenti a quelle dell'Angola. In privato, alcuni funzionari non esitano ad assicurare agli europei responsabili degli aiuti allo sviluppo che, presto, "possiamo fare a meno di te". Al riparo dal sole nella loro aria condizionata 4 × 4, i ricchi mori, che dominano il paese, si confrontano già con gli emiri del Golfo.

Nutrire la speranza

Mentre l'estrazione delle prime botti è annunciata per dicembre 2005, la promessa dell'Eldorado non convince tutti. " Per alcuni, il petrolio sta già fluendo, altri, incluso me stesso, stanno aspettando di vederlo scorrere "Dice Demba Seck, ex sindacalista e attivista per la causa" negro-africana ", questi mauriziani neri che si considerano discriminati dal regime. Mohamed Fall Oumère, caporedattore del settimanale La Tribune, è stato a lungo scettico. " Il primo articolo che ho scritto sull'argomento era intitolato "No Oil, No Ideas". Ho visto che il governo parlava di petrolio ogni anno a febbraio, quando la Banca mondiale riferisce sulla Mauritania Dice il giornalista. In effetti, tutti hanno interesse a mantenere la speranza: il governo, ma anche le compagnie petrolifere, in particolare il Woodside australiano che dirige il consorzio responsabile dello sfruttamento delle risorse. Non appena viene scoperto un nuovo campo, il valore della quota Woodside, quotata a Sydney, salta. Brahim Boucheiba, direttore della compagnia petrolifera Maghreb Oil, anche vicino all'opposizione, rimane ottimista. Secondo lui, il pozzo principale scoperto da Woodside, chiamato "Chinguetti" in riferimento a una delle città sante situate nel deserto mauritano, ospita ben "120 milioni di barili". Secondo il settimanale Jeune Afrique, che cita "esperti di Londra", i fondali marini ospitano anche due importanti giacimenti stimati rispettivamente a 400 e 500 milioni di barili. Lo sfruttamento di queste risorse renderebbe il paese il sesto produttore africano di oro nero e gli assicurerebbe un futuro confortevole.

Leggi anche: Energia e materie prime

Il petrolio consentirà lo sviluppo sostenibile della Mauritania?

A livello strettamente ambientale, la speranza è limitata. Il Sahara, che occupa il 60% del territorio, ospita alcune discariche aperte. Nel sud del paese, le foreste, sfruttate per la legna da ardere, hanno subito tagli netti. Le risorse della pesca, che stanno diventando sempre più scarse, vengono vendute con la complicità dell'Unione europea e nessuno è preoccupato per l'impatto ambientale dell'estrazione del ferro nel nord. " Non mi fido affatto del governo per condurre una politica ambientale Dice un funzionario anziano in pensione. Le poche ONG ambientaliste mauritane temono che una regolamentazione lenta consentirà l'uso di petroliere monoscafo e farà precipitare il rischio di una fuoriuscita di petrolio. Woodside ha commissionato studi di impatto sociale e ambientale, ma i risultati non sono stati pubblicati. Il gruppo australiano coltiva il segreto e non è facile avvicinarsi.

Leggi anche: Il flusso di petrolio a 1998 2004

Nonostante le promesse del presidente della Repubblica, gli oppositori non credono che la popolazione molto povera possa beneficiare indirettamente della manna dal petrolio. " In pochi giorni, parte dell'innalzamento salariale annunciato è stato inghiottito dall'inflazione "Denuncia Demba Seck. La maggior parte degli osservatori denuncia inoltre il rischio di appropriazione indebita a beneficio di coloro che sono vicini al potere. Brahim Boucheiba illustra il suo scetticismo con un recente aneddoto. Lo stato mauritano, oltre alla sua quota del 35% delle risorse, aveva preso un'ulteriore quota del 12% nel consorzio petrolifero. Convocato per effettuare il suo investimento entro sei mesi, il piano preferiva rivendere la sua partecipazione. Il contratto firmato con Woodside, confermato dalla legge, prevedeva che tale trasferimento potesse avvantaggiare solo una società controllata dallo Stato. Nel novembre 2004, tuttavia, la partecipazione è stata venduta per $ 15,5 milioni a una società britannica privata, per una commissione di $ 7 milioni a una società di intermediazione in un paese del Golfo e $ 4 milioni a un consulente. La corruzione? Il commento di Brahim Boucheiba: “ quando facciamo cose che non sono normali, non le facciamo da sole ”. L'unica nota positiva potrebbe venire dai donatori. Secondo Mohamed Fall Oumère, la Mauritania potrebbe essere costretta a unirsi all'iniziativa per la trasparenza delle industrie estrattive. Proposta nel 2002 da Tony Blair, questa iniziativa mira a collegare i contratti tra i governi e le compagnie minerarie allo sviluppo economico sostenibile dei paesi interessati.

Leggi anche: Download: prospettive per l'evoluzione del prezzo degli idrocarburi a medio e lungo termine

Olivier Razemon

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *