Motore Pantone presso UQAR

Progetto Eco-Energy: Nutrire il generatore ridisegnato

Con Jean-Mathieu Santerre e Simon-Nicolas Deschênes (Team H05-CM-E5), Université du Québec à Rimouski, Quebec, Canada

Ecco la sintesi e lo studio completo di un progetto realizzato da 2 studenti di ingegneria dell'Università di Rimouski.

Riassunto

L'obiettivo generale del progetto è di adattare il processo Pantone a un generatore di marca Lyuan standard con una potenza di 1kW. Vogliamo ottenere un rendimento il più vicino possibile a quello in modalità operativa standard (cioè con un motore a combustione interna). Questo adattamento consentirà al generatore di funzionare con 80% di combustibile per acqua senza modificare le parti interne e senza comprometterne le prestazioni.


Clicca per ingrandire

Introduzione

In un contesto di globalizzazione, in cui l'ambiente sta guadagnando sempre più l'opinione pubblica, la pressione sul mondo industriale per fare meglio e migliorare in questo campo sta diventando più urgente che mai. Inoltre, accordi come il protocollo di Kyoto stanno costringendo i paesi, e quindi le loro industrie, a raggiungere obiettivi concreti per ridurre le loro emissioni di gas serra. Con questo in mente, abbiamo deciso di scegliere un progetto che ci consentisse di aiutare la comunità a raggiungere questi obiettivi. Negli ultimi anni, un processo rivoluzionario sta cercando di trovare un posto in un campo fortemente influenzato dalle emissioni inquinanti, i motori a combustione interna. Sebbene questa tecnologia sia agli inizi, vediamo un grande potenziale per il suo futuro grazie alla sua versatilità e basso costo. Il processo "Pantone", che prende il nome dal suo inventore, consente di modificare qualsiasi motore a combustione interna per consentirgli di riutilizzare le sue emissioni inquinanti al fine di ridurre il consumo di carburante di almeno la metà e le emissioni di carbonio di più da ¾. Il nostro progetto è applicare questa tecnologia al mondo dei generatori elettrici personali per renderli più puliti e più efficienti dal punto di vista energetico. Riteniamo che questo progetto si adatti molto bene all'attuale tendenza di fare meglio con meno e soddisfare un'esigenza che deriva dalla domanda dei consumatori di apparecchiature con maggiore efficienza energetica. La presente relazione mirerà a presentare il metodo di concettualizzazione utilizzato per realizzare questo progetto. In un secondo momento, l'approfondimento del design al fine di esporre le nostre soluzioni e ciò che si è conservato, nonché i motivi che giustificano queste scelte.

Leggi anche:  CITEPA: l'inquinamento atmosferico da ufficio in Francia

Download dello studio (29 pagine in .pdf)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *