Non il vice primo ministro dello Sviluppo Sostenibile

Nicolas Hulot ha appena votato per la creazione di una carica di Vice Primo Ministro responsabile dello sviluppo sostenibile.

Tanto dobbiamo salutare con profondo rispetto le capacità e le azioni di Nicolas Hulot a favore dell'ambiente e dell'ecologia, tanto dobbiamo riconoscere che per anni i suoi programmi televisivi sono stati una vera delizia, come ci permettiamo di fare criticare qui la sua proposta, che, a nostro avviso, mantiene confusione su cosa sia realmente lo sviluppo sostenibile. Ecco perché.

1987 definito dalla Commissione mondiale per l'ambiente nel modo seguente: "Questo è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri."

Questa definizione esprime il fatto che lo sviluppo sostenibile è quello di progresso insieme l'economia, il progresso sociale e il miglioramento dell'ambiente. Lo sviluppo sostenibile non si limita all'ecologia, che costituisce soltanto una componente.

Leggi anche:  Un mondo di 11 gradi più caldo di oggi

Gli impegni assunti dai capi di Stato, in occasione del Vertice della Terra di Johannesburg nel settembre 2002, sono molto chiari su questo punto. L'articolo 5 degli stati Dichiarazione di Johannesburg : "In quanto tali, ci assumiamo la nostra responsabilità collettiva, che consiste nel promuovere, a livello locale, nazionale, regionale e globale, lo sviluppo economico, lo sviluppo sociale e tutela ambientale, pilastri interdipendenti e complementari dello sviluppo sostenibile ”.

La Carta dell'ambiente incluso nel 2005 nella Costituzione francese dice nel suo articolo:  Le politiche pubbliche devono promuovere lo sviluppo sostenibile. A tal fine, essi conciliare la tutela e la valorizzazione dell'ambiente, lo sviluppo economico e il progresso sociale ".

Per saperne di più

La definizione di sviluppo sostenibile

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *