La mia scoperta del motore Pantone

In questa pagina, e in quelle successive intitolate “Io e Pantone” scoprirete un riassunto dei miei ultimi 4 anni, ovvero da quando ho scoperto il processo Pantone.

Queste pagine "autobiografiche" ti permetteranno di conoscere un po 'meglio Christophe, il webmaster di questo sito.

Chi sono io?

Mi chiamo Christophe Martz, nel 2005 avrò 27 anni e sono di Strasburgo.

Sono un ingegnere laureato alla promozione ENSAIS (Scuola nazionale delle arti e delle industrie di Strasburgo) nel 2001 e ho svolto, per il conseguimento del diploma, un progetto di fine studi (PFE), sul processo Pantone .

Nel 2003 ho creato il sito Econologie.com (Tornerò in seguito alla creazione di questo sito).

L'origine del progetto di fine studio sul processo Pantone (ottobre 2000-gennaio 2001)

L'ultimo anno di scuola di ingegneria è diviso in due periodi: il primo trimestre in cui si tengono i corsi classici e gli ultimi 2 riservati al progetto di fine studi (che viene spesso svolto in azienda). Durante il primo trimestre è necessario realizzare un progetto di ricerca tecnologica (PRT), questo PRT può essere considerato come un micro PFE e può o meno avere un collegamento diretto con il PFE. Quindi alcuni PRT non sono né più né meno che pre-studi di un PFE.

Preciso tutto questo perché la mia scelta di PFE è proprio la mia è venuto a seguito di un PRT.

Infatti, l'oggetto del mio PRT consisteva nell'aggirare energie “nuove” e soluzioni organizzative per decongestionare l'aria e il traffico nelle aree urbane (questo studio è disponibile integralmente in questa pagina: studio sui trasporti e l'energia per la città).

Durante questo studio, un mio insegnante tutor, professore di fisica, mi ha fornito un video report, che credo sia all'origine di tutto quello che segue.

Questo rapporto parlava dell'energia del punto zero e presentava, tra le altre cose, Stanley Meyer (poco prima della sua scomparsa "ufficiale"). Puoi vedere questo rapporto in questa pagina: relazione sull'energia dal vuoto allo zero assoluto.

Leggi anche:  Suggerimenti per il montaggio di un pantone

Molto incuriosito da questo rapporto, ho deciso di saperne di più su Stanley Meyer, è così che ho scoperto il Quanthomme presentando la Water Fuel Cell (WFC). Rapidamente, ho avuto l'idea di fare il mio progetto di fine studio sul WFC. Purtroppo, di fronte alla vaghezza delle informazioni trovate su Internet e nei brevetti, i miei insegnanti e io abbiamo capito subito che non era ragionevole fare un PFE su questo argomento. Troppo presto ci troveremmo di fronte a troppe incertezze e incognite. Ma c'era un'altra invenzione presentata sul sito Quanthomme: quella del processo Pantone.

In effetti, l'invenzione di Pantone è apparsa alquanto intrigante e soprattutto abbastanza accessibile per poter realizzare un progetto di laurea sull'argomento. Avevo quindi intenzione di proporre un argomento di caratterizzazione del processo Pantone ai miei tutor (che ringrazio di passaggio). Mi hanno subito dato il via libera: è nato il progetto Pantone / Martz! Una domanda per una borsa di studio Anvar è stata presentata ed è stata accettata.

Il corso della CTB sul processo Pantone (gennaio 2001 2001 ottobre)

La durata iniziale del progetto è stata di 5 mesi, mi ci sono voluti oltre 8 mesi per completare il minimo accettabile per ottenere una laurea in ingegneria. Ma qualunque cosa, il mio progetto mi ha entusiasmato, alcune misure erano molto promettenti.

Solo qui, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, una scuola di ingegneria non è il luogo ideale per fare ricerca applicata: mancano i mezzi, non necessariamente il personale è disponibile ma soprattutto le apparecchiature di misura. e le indagini sono gravemente carenti. Ad esempio, ho dovuto eseguire l'intera realizzazione del banco prova (foto del report): planimetrie, sbozzatura, puntatura, primerizzazione, verniciatura… solo le saldature sono state eseguite dal tecnico di laboratorio. Successivamente i miei insegnanti mi hanno rimproverato di non aver avanzato abbastanza velocemente la parte puramente scientifica. Un altro esempio, abbiamo dovuto spostare il banco prova con l'auto di famiglia in un centro di controllo tecnico per eseguire misurazioni di controllo dell'inquinamento. Visto che non era grave per funzionare correttamente, dovevamo andare a prendere un analizzatore di gas a 200 km di distanza! A questo proposito, vorrei ringraziare il tecnico che ha dedicato il suo tempo un fine settimana per questo compito. Queste difficoltà materiali spiegano in parte l'allungamento della durata del progetto. Ma quello era solo l'inizio delle difficoltà.

Leggi anche:  la teoria del motore Pantone della cavitazione, il rilassamento, onda d'urto supersonica nel reattore

stagione post-diploma (ottobre 2001 2002 febbraio)

Laureato nell'ottobre 2001 (dopo una difesa davanti a un pubblico di oltre 40 persone, cosa del tutto eccezionale per un PFE), e sentendo le potenzialità del processo come dimostrato dai risultati nella mia relazione, ho deciso di lanciarmi, da solo e forse un po 'ingenuamente, in una "corsa" per aiuti alla ricerca e sussidi.
Durante le prime settimane dopo aver lasciato la scuola, la mia agenda era quasi piena ogni giorno: sono state contattate fiere, città di Strasburgo, ADEME, ANVAR, DRIRE, INRETS ... così come molte scuole, centri di ricerca e istituzioni pubbliche. Allo stesso modo, ho avuto anche alcuni contatti in Germania. Ma dopo alcune settimane di questa corsa frenetica, ho scoperto con una certa delusione che sarebbe stato molto più difficile di quanto immaginassi. È certo che ero, e non lo sono ancora, un grande negoziatore o diplomatico, ma lo stesso!

scuse ridondanti sono principalmente le seguenti:

  • il brevetto non è a tuo nome,
  • non aiutiamo le persone,
  • nessuna istituzione pubblica ti sostiene ...

Sulla base di questi fatti, sono rimasto aperto a qualsiasi proposta ma non ne ho ricevuta nessuna da queste organizzazioni. Penso che una delle reazioni più flagranti in questa direzione sia stata quella dell'ADEME, ignorando semplicemente le mie richieste ma senza dimenticare di riportare l'informazione a livello nazionale ...

Leggi anche:  Le reazioni radicali e screpolature

Sono anche tornato dall'ENSAIS per proporre un seguito al PFE riguardante il montaggio di una caldaia del processo. Questo dopo aver visto l'assemblea "caldaia" del signor David con fiamma trasparente bruciando combustibile domestico. Il mio ex insegnante tutor, specialista in combustione del motore, ex ingegnere alla Renault, apparentemente era deciso in modo risoluto di non avere mie notizie (o il processo?). Il suo argomento: “Sai: l'olio combustibile sta perdendo terreno rispetto alle caldaie a gas. ". Hm hmm ... Fine della trattativa.

Tale disprezzo nell'ipocrisia ambientale totale è abbastanza difficile da accettare. Tutti dicevano che il mio progetto era molto interessante ma nessuno mi ha dato i mezzi per andare oltre, non sia per caso né per speranza! L'inquinamento, in senso lato, non è un problema di salute pubblica? Anzi, ricordo al lettore che non sa da miei risultati che il metodo consente di ridurre 90% di alcuni inquinanti, questo dopo pochi secondi di funzionamento. queste risultati di risanamento ambientale in questa pagina o in rapporto PFE.

Questo è diverso dai convertitori catalitici che non solo sono inefficienti a freddo, ma che, oltre ad aumentare i consumi, pongono problemi ambientali durante il loro ciclo di vita, per non parlare degli ossidi di metalli pesanti e del costo, econologico, della loro fabbricazione e riciclaggio. .

Di fronte a così tanti blocchi, ho deciso, all'inizio del 2002, di andare a vedere il signor Pantone negli Stati Uniti, appunto; forse una carta firmata di sua mano sarebbe in grado di sbloccare le cose e forse mi offrirebbe un incarico di responsabilità? La realtà sarà purtroppo molto diversa ...

Per saperne di più: Il mio incontro con il sig Pantone

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *