La geoingegneria globale

Questo articolo è la continuazione dell'articolo:
Cool Earth per la lotta contro il riscaldamento globale

Per saperne di più e discutere: terra fresca contro il riscaldamento globale e il cambiamento climatico con la geoingegneria globale: finzione o realtà?

Geoingegneria globale o manipolazione del clima su scala planetaria

“L'attuale politica sul clima sembra non funzionare. Non stiamo dicendo che abbiamo la bacchetta magica, ma è una situazione senza speranza e le persone dovrebbero iniziare a pensare a modi non convenzionali. Servono progetti preventivi su larga scala ”.

PR John Schellnhuber, capo del gruppo leader britannico di scienziati del clima, citato nel The Guardian dell'11 gennaio 2004. L'enfasi è posta su di noi.

Le richieste per l'uso di tecnologie di modifica artificiale del clima sono in aumento da diversi anni. Pertanto, James Hansen stima che “Dobbiamo stabilizzare le emissioni di CO2 in meno di dieci anni, altrimenti le temperature aumenteranno di oltre un grado. Saranno più alti di quelli che conosciamo da cinquecentomila anni e molto non può più essere fermato. Se vogliamo evitarlo, dobbiamo ora implementare nuove tecnologie (…) Abbiamo poco tempo per agire ”(corsivo aggiunto). PR Schellhuber ritiene che la geoingegneria offra opzioni molto più realistiche, più efficienti e meno costose rispetto alle misure stabilite dal protocollo di Kyoto.

Già nel 1997, in un articolo sul Wall Street Journal, Edward Teller, uno dei più ardenti difensori del progetto "Star Wars" (e fonte di ispirazione per il personaggio di "Doctor Strange" di Stanley Kubrick), sosteneva di utilizzare il grande mezzo per raffreddare il pianeta. Il suo "Progetto Manhattan per il Pianeta" consiste nel creare un enorme scudo intorno alla terra per deviare i raggi del sole per stabilizzare il clima. Questa crema solare gigante costerebbe meno di un miliardo di dollari all'anno, meno delle misure imposte dal protocollo di Kyoto. Secondo i calcoli di Teller, un milione di tonnellate di particelle di alluminio e zolfo ridurrebbe dell'1% l'insolazione terrestre, compensando così l'effetto serra. I climatologi russi dell'Istituto per il clima e l'ecologia mondiale sostengono misure simili.

Queste idee, già vecchie, sono state riattivate dai risultati di studi sulle conseguenze di grandi eruzioni vulcaniche come quelle di El Chichon nel 1982: le particelle di anidride solforumsa (SO2) vomitate dai vulcani nell'atmosfera provocano un calo significativo. la temperatura della terra per alcune settimane o addirittura anni. Ad esempio, l'eruzione del Pinatubo (Indonesia, 1991) ha abbassato la temperatura del suolo di circa 0,5 ° C in media per diversi mesi. Ciò corrispondeva effettivamente a un raffreddamento significativo in alcune regioni e al riscaldamento in altre, come l'Europa settentrionale. Nel 1992, l'Accademia nazionale americana delle scienze ha considerato in un articolo l'utilizzo di aerei di linea per combattere il riscaldamento globale ("Implicazioni politiche della mitigazione della serra, dell'adattamento e della base scientifica").

L'uso della geoingegneria è il modo per consentire ai paesi sviluppati di non cambiare nulla nel loro modo di vivere. Questo è quanto ha inteso Colin Powell durante il Summit sullo sviluppo del 2002, durante il quale ha ribadito il rifiuto degli Stati Uniti di ratificare il protocollo di Kyoto. Ha poi rivelato che gli Stati Uniti erano impegnati "in azioni per affrontare le sfide ambientali, incluso il cambiamento climatico globale, e non solo nella retorica", aggiungendo che avevano già "miliardi di dollari in tecnologie state-of-the-art ”molto più efficace delle misure consigliate da questo protocollo2. L'American National Center for Atmospheric Research ritiene inoltre che il mezzo più efficace per ridurre il riscaldamento globale sia l'irrorazione da parte degli aerei di composti aerosol (particelle sospese nell'aria) che riflettono parte dei raggi solari. nell'aria.

Leggi anche:  Transizione energetica: il Portogallo ha fornito per 4 giorni interamente con elettricità rinnovabile!

Il mercato della geoingegneria è un mercato molto promettente. Tanto più che il rapporto Stern (ottobre 2006) commissionato dal Cancelliere dello Scacchiere britannico, annunciava una recessione economica "di portata catastrofica" se nulla fosse stato rapidamente avviato su scala planetaria contro l'effetto di serra: il prodotto interno lordo globale (PIL) potrebbe diminuire dal 5 al 20% entro il 2100, con un costo superiore a 5 trilioni di euro.

Roger Higman di Greenpeace, che concorda con altri specialisti sul fatto che "il cambiamento climatico rappresenta la più grande minaccia ambientale che dobbiamo affrontare", ritiene che le soluzioni tecnologiche non debbano essere utilizzate come scusa per non essere riusciti a ridurre le emissioni di gas. effetto serra.

I rischi dell'applicazione di questi progetti al sistema climatico e alla salute degli esseri viventi

Hervé le Treut, direttore della ricerca al CNRS, teme che "gli aerosol stiano cambiando il nostro mondo" e ricorda che generano piogge acide. Il sistema climatico è molto complesso e molto fragile; Coinvolge in particolare l'atmosfera, gli oceani, i continenti e la biosfera, attraverso processi chimici, biologici e fisici. L'uso dell'iniezione di aerosol interromperebbe "un fenomeno naturale chiamato oscillazione artica, che provocherebbe un riscaldamento locale in inverno in alcune regioni, mentre il raffreddamento si concentrerebbe in altre". è preoccupato da parte sua il climatologo Edouard Bard, PR del Collège de France, il quale aggiunge che con "tali dispositivi di geoingegneria globale, non è solo l'atmosfera che è in gioco, ma il sistema climatico nel suo insieme, vale a dire un gigantesco gioco di domino di grande complessità. Prevedere e valutare gli effetti collaterali su scala globale richiede, soprattutto, un notevole lavoro scientifico che coinvolga climatologi, oceanografi, geologi, astronomi, biologi, agronomi, ecc. »(Le Monde, 30 ottobre 2006). Queste manipolazioni non sono soggette ad alcuna legislazione nella maggior parte dei paesi.

Secondo la NASA, l'alluminio trimetilene e il bario, un metallo che ha la proprietà di assorbire l'anidride carbonica (CO2), sono tra le sostanze chimiche più utilizzate. La tossicità dell'alluminio è oggi riconosciuta come un fattore che favorisce la comparsa della malattia di Alzheimer. Henri Pezerat, eminente tossicologo, direttore della ricerca al CNRS riferisce che diversi studi epidemiologici condotti in sei diversi paesi hanno tutti concluso "un notevole aumento dell'incidenza del morbo di Alzheimer in relazione a una concentrazione troppo elevata nell'acqua. di bevanda ”(rapporto negato dall'Istituto per la Sorveglianza Sanitaria Pubblica, che si rifiuta di tenere conto dei rischi associati a questo metallo durante il trattamento dell'acqua).

Il bario è un elemento pericoloso. I sali di bario entrano nel corpo attraverso i polmoni e per via orale. I sali insolubili inalati possono depositarsi e accumularsi nei polmoni a seguito di un'esposizione a lungo termine. I sali e gli acidi idrosolubili sono molto tossici se ingeriti. Il bario causa aritmie, disturbi digestivi, astenia grave e ipertensione. Le analisi del bario sono molto delicate e costose. I test effettuati in Canada hanno rivelato la presenza di questo metallo a livelli anormalmente alti nell'acqua piovana.

In generale, l'aumento degli aerosol sospesi nell'aria, di varia origine, potrebbe contribuire al moltiplicarsi di casi di malattie respiratorie, allergie, irritazioni agli occhi, emicranie, sintomi simil-influenzali senza febbre, perdita di memoria e confusione, insonnia e depressione. I sintomi depressivi dovuti alla diminuzione della luminosità vengono sempre più curati dalla fototerapia, praticata fino ad ora solo nei paesi nordici nel periodo invernale.

Sono esperimenti già in corso?

Negli ultimi anni è scoppiata una polemica su Internet, su esperimenti segreti che sono già stati condotti per più di un decennio per mitigare il riscaldamento globale. I sostenitori della teoria della manipolazione del clima giustificano il loro punto di vista con osservazioni in tutto il mondo, per circa un decennio, di lunghe e persistenti tracce bianche lasciate da aerei che attraversano il cielo. Le autorità interrogate hanno risposto che questi appezzamenti sono solo “scie di condensazione” (abbreviazione inglese per “condensation plots”) corrispondenti al vapore acqueo emesso dagli aerei ad altitudini molto elevate, che si trasforma in cristalli di ghiaccio ad altitudini elevate. dove la temperatura dell'aria è inferiore a -40 ° C. Insistono anche sulla crescente intensificazione del traffico aereo.

I fautori della teoria delle “scie chimiche” (“tracce chimiche”) replicano che le scie di condensazione scompaiono dopo pochi minuti, mentre le “scie chimiche” possono persistere per ore; gradualmente si allargano fino a formare un velo lattiginoso, prima di sovrapporsi e trasformarsi in nuvole sempre più spesse e scure, che finiscono per formare uno strato plumbeo sopra le nostre teste tra le 24 e le 36 h dopo questi spargimenti. Affermano che molti aerei che lasciano tracce persistenti volano ad altitudini troppo basse per la formazione di scie, che spesso volano fuori dalle corsie aeree e talvolta hanno traiettorie anomale (come virate di 90 °). . In Nord America, le associazioni che lottano contro le "scie chimiche" e alcune personalità denunciano con forza queste pratiche e la loro pericolosità, a volte prima di ritrattare, come il senatore democratico americano di sinistra Denis Kuccinich.

Indipendentemente dal fatto che gli esperimenti siano già iniziati o meno, il grande clamore sul riscaldamento globale, che si è intensificato da diversi anni a livello globale, potrebbe preparare le menti all'inevitabile ricorso alla geoingegneria. Così, nel marzo 2005, il Senato degli Stati Uniti ha votato in "corsia preferenziale" una legge che formalizza le manipolazioni climatiche (Bill 517 del Senato degli Stati Uniti e Bill 2995 della Camera degli Stati Uniti).

applicazioni militari della géoingénerie

Come tutte le nuove tecnologie (biotecnologie, nanotecnologie, ecc.), La geoingegneria è strettamente legata al settore militare. Già nel 1970, il consigliere per la sicurezza della Casa Bianca Zbigniew Brzezinski aveva previsto nel suo libro “Between two age” che “la tecnologia darà ai leader delle principali potenze i mezzi per condurre guerre segrete mobilitando un minimo di forze di sicurezza”. Pertanto, "le tecniche di modifica del clima possono essere utilizzate per produrre periodi prolungati di siccità o tempesta". Nel 1977, quando gli americani spesero 2,8 milioni di dollari all'anno per la ricerca militare sui cambiamenti climatici, le Nazioni Unite votarono la "convenzione ENMOD che vieta queste tecniche per scopi" ostili "(Francia e Cina non lo fanno sono tra i novanta firmatari);

Leggi anche:  Il ritorno di carbone

Tuttavia, né gli Stati Uniti, che hanno ratificato il trattato nel 1978, né l'Unione Sovietica hanno mai interrotto le loro ricerche, mentre altri paesi come la Cina a loro volta lo hanno sviluppato. Un rapporto del 1996 commissionato dall'Air Force mostra che gli Stati Uniti prevedono di avere il pieno controllo del tempo nel 2025 ("Il tempo come moltiplicatore di forza: controllo delle condizioni meteorologiche nel 2025) 3. PR Chossudovsky, dell'Università di Ottawa (Canada), afferma, in una serie di articoli pubblicati sul suo sito, che il cambiamento climatico non è dovuto solo ai gas serra (GHG), ma anche a manipolazioni effettuate dall'esercito americano dalla sua base a Gacona (Alaska). Secondo lui, è davvero facile incolpare i danni causati da questi esperimenti militari clandestini solo per i gas serra. Nel febbraio 1998, la commissione per gli affari esteri, la sicurezza e la politica di difesa del Parlamento europeo ha tenuto a Bruxelles una serie di audizioni sui possibili effetti nocivi sull'ambiente delle manipolazioni compiute da questo centro. Ha deplorato il rifiuto dell'amministrazione americana di rispondere alle sue domande, senza andare oltre, per evitare di creare tensioni con Washington4.

Da parte loro, gli americani incolpano regolarmente i russi per la proliferazione di fenomeni estremi negli Stati Uniti, come uragani sempre più devastanti5. Nel 1997, William S. Cohen, Segretario alla Difesa di William Clinton, ha accusato alcuni gruppi di "indulgere in un terrorismo di tipo ecologico con l'obiettivo di" alterare il clima ", e persino di" innescare terremoti remoti ed eruzioni vulcaniche attraverso e uso di onde elettromagnetiche 6. Luc Mampey, ricercatore presso il Gruppo per la ricerca e l'informazione sulla pace e la sicurezza (GRIP, Bruxelles) indica che il concetto di "guerra ambientale" fa effettivamente parte del linguaggio e dei manuali militari.

Se è difficile dimostrare che queste tecnologie sono già utilizzate oggi, sia per scopi pacifici che militari, l'argomento è stato oggetto di numerosi articoli a partire dagli anni '2006 sui principali media stranieri, in particolare anglosassoni (CBS, CNN, The New York Times, The Guardian…) e russi (Pravda, Novye Izvestia). Per il settimanale americano Business Week, "una tecnologia in grado di controllare le condizioni atmosferiche sarebbe una potente arma militare e politica". È solo dal 2006 che la grande stampa francese ha fatto eco a questi dibattiti (Cfr. Ad esempio "Il tempo come arma di guerra" in Courrier International). E la parola “geoingegneria” non è apparsa sul quotidiano “Le Monde” fino all'ottobre XNUMX.

Joëlle PENOCHET copyright 2007 - È incoraggiata la riproduzione completa, a condizione di citare l'autore e l'url di questo articolo tramite un collegamento ipertestuale.

Fonte

riferimenti

(1) Creato nel 1998 dall'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) e dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP). Sito: http://www.ipcc.ch.

(2) Vedi http://sierraactivist.org/article.php?sid=16287

(3) Col. TAMZY J. House, Ten. Col. James B. NEAR, J, et al. : "Il tempo come moltiplicatore di forza: possedere il tempo nel 2025", agosto 1996, 54 p. www.au.af.mil/au/2025

(4) Cfr Parlamento europeo, commissione per gli affari esteri, la sicurezza e la politica di difesa, Bruxelles, doc. n. A4-0005 / 99, 14 1999 gennaio, e Relazione europea, febbraio 3 1999.

(5) Così, il famoso meteorologo americano Scott Stevens si è dimesso dal suo incarico alla CBS dopo aver designato l'esercito russo come responsabile delle conseguenze dell'uragano Katrina che ha devastato New Orleans nel 2005!

(6) http://www.freepressinternational.com/

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *