guasto elettrico

Possibili interruzioni di corrente in Francia: perché e come affrontarle?

In queste settimane si parla solo di questo… I famosi blackout che potrebbero verificarsi quest'inverno! Anche se il rischio blackout sembra attenuarsi con la mitezza del clima invernale in corso, a volte è difficile orientarsi davanti a tutte queste informazioni. E soprattutto può essere preoccupante non sapere come proteggersi al meglio dagli effetti immediati di questi tagli sulla nostra modalità di consumo che dipende molto dall'elettricità.

Questo articolo vuole quindi essere un bilancio della situazione, ma soprattutto una fonte di proposte per superare l'inverno con più serenità se la situazione annunciata si dovesse verificare nei prossimi mesi.

Ma quali sono le cause tecniche di questi tagli?

Per capire l'origine di eventuali tagli annunciati per questo inverno 2022, è interessante fare il punto sulla produzione di elettricità in Francia attualmente. In effetti, a un esame più attento, ce ne rendiamo conto quasi il 70% dell'energia elettrica prodotta è di origine nucleare (68.4% per la precisione). Questi numeri sono dati da Agenzia ORE (Operatori di Rete Energetica) che federa tutti gli attori francesi della distribuzione di energia e gas.

Tuttavia, la Francia sta attualmente affrontando un problema tecnico con una parte delle sue centrali nucleari. La flotta francese ha 56 piante la cui mappa potete trovare qui sotto. Di tutte queste piante, una quindicina sono ancora ferme a metà dicembre 2022. Un periodo dell'anno in cui, soprattutto a causa del freddo, la richiesta di energia è spesso la più forte. Alcuni di questi impianti sono in fase di manutenzione programmata e programmata. Altri vengono chiusi in seguito alla scoperta di microcricche che interessano il condotto principale di raffreddamento del nocciolo nucleare. Un fenomeno di tensocorrosione, che avrebbe potuto portare a un incidente nucleare se non fosse stato scoperto in tempo. Meno male, quindi, che il operazioni di manutenzione in questione. Il problema è piuttosto localizzato nella diversità ancora troppo bassa delle nostre fonti di approvvigionamento elettrico.

Mappa dei reattori nucleari presenti sul territorio francese
Di Sting e Roulex_45 e Domaina, CC BY-SA 3.0, Collegamento Wikipedia

Buono a sapersi:

  • Questo fenomeno di corrosione è stato scoperto per la prima volta sul Stabilimento di Civaux nell'autunno 2021.
  • Sembra interessare le centrali elettriche più recenti e da allora è stato scoperto 7 reattori delle centrali di Civaux, Chooz e Penly.
    I segmenti di tubo più lunghi di questi impianti avrebbero comportato maggiori sollecitazioni meccaniche su di essi.
  • Le crepe possono essere profonde fino a 5.6 mm e lunghe oltre 1 m.
    Hanno richiesto la chiamata a 500 subappaltatori francesi, oltre a rinforzi di saldatori americani e canadesi!!
  • Fonte : "  Numero record di centrali chiuse: le cause di un caso senza precedenti, articolo di France inter « 

Eventuali interruzioni di corrente, da chi ea quali condizioni verranno attuate?

In Francia la fornitura di energia elettrica può essere così schematizzata:

diagramma che rappresenta la fornitura di energia elettrica in Francia
Diagramma ispirato a quello pubblicato online da TotalEnergie

Un spargimento è un'interruzione volontaria e momentanea della fornitura di energia elettrica su parte della rete elettrica (definizione Enedis). Questo può accadere quando la domanda di elettricità è troppo alta. Il distacco del carico viene quindi organizzato dal distributore di energia elettrica (Enedis) al fine di evitare un taglio generale a tutta la rete elettrica. Tali tagli non sono ovviamente senza conseguenze. Pertanto, sono state definite condizioni molto specifiche per organizzarle:

  • I tagli non dovrebbe durare più di 2 ore nella stessa giornata
  • Sarebbero organizzati durante le ore di forte richiesta di energia elettrica, ovvero durante le seguenti fasce orarie:
    Tra le 8:13 e le 18:20 e tra le XNUMX:XNUMX e le XNUMX:XNUMX
  • Gli utenti lo sarebbero allora notificato il giorno prima dalle 17:XNUMX il verificarsi di un'interruzione di corrente nella propria area geografica il giorno successivo.
  • Le interruzioni non dovrebbero normalmente interessare ripetutamente gli stessi utenti.
  • Saranno esclusi da tutti i tagli: caserme dei vigili del fuoco, stazioni di polizia, stazioni di polizia, ospedali, nonché alcuni siti industriali sensibili.

Tuttavia, sembra importante ricordare che queste interruzioni di corrente dovrebbero verificarsi solo nella peggiore delle ipotesi. Una volta esaurite tutte le altre possibilità. Tra queste altre possibilità ci sembra interessante citare l'acquisto di energia elettrica dai paesi limitrofi dalla Francia. La rete elettrica francese è infatti collegata a quelle dei seguenti paesi:

A seguito della Brexit è in corso anche un progetto di collegamento con l'Irlanda.

Organizzazione: la parola chiave per convivere con i possibili tagli in tutta serenità!

Come vedremo più avanti in questo articolo, alcuni investimenti possono rivelarsi interessanti per semplificarti la vita in caso di interruzioni di corrente in casa.

Tuttavia, senza dover passare attraverso la casella "pagamento", una serie di suggerimenti può già aiutarti a superare un episodio limite senza disastri. Il primo è da te organizzare prima che avvenga il taglio. In effeti, RTE, il gestore della trasmissione dell'energia elettrica ha caricato la sua applicazione ecowatt.

Leggi anche:  I fattori di carico: nucleare ed eolica

Quest'ultimo offre la possibilità di abbonarsi a un servizio di notifica che consente di essere avvisati delle interruzioni di corrente il giorno prima che si verifichino. Non si ferma qui, proponendo anche un " tempo di elettricità » giorno per giorno e ora per ora consentendo agli utenti di ottimizzare il proprio consumo di energia elettrica in base alla domanda. Questo "tempo" assume la forma di segnali di diversi colori:

  • segnale verde: nessun consumo eccessivo di elettricità
  • segnale arancione: presenza di tensione sull'impianto elettrico, senza sforzo, rischio di passaggio al segnale rosso provocando interruzioni di corrente
  • segnale rosso: alta tensione sull'impianto elettrico, attuazione del distacco del carico per evitare il blackout completo

Per il momento il 9 gennaio 2023 e a nostra conoscenza non c'è stato alcun allarme ecowatt arancione: alcuni reattori sono ripartiti dall'inizio di dicembre 2022 e l'inverno mite lo spiega. Altri reattori ripartiranno nel gennaio 2023 e nel febbraio 2023, il che dovrebbe, salvo un'improvvisa e intensa ondata di freddo, ridurre il rischio di tagli.

Anche i prezzi all'ingrosso dell'elettricità sul mercato dell'UE stanno diventando molto più ragionevoli, ieri mattina alle 4 erano negativi anche in Belgio :

Prezzo SPOT eco2mix negativo Belgio 8 gennaio 2023
Prezzi dell'elettricità all'ingrosso molto bassi l'8 gennaio 2023 e addirittura negativi in ​​Belgio, un peccato! Fonte : eco2Mix DIECI

In caso di interruzione di corrente, uno dei primi elementi interessati nella tua casa è ovviamente illuminazione e tutti i tuoi elettrodomestici.

Un punto cruciale è il riscaldamento: nessun apparecchio di riscaldamento, ad eccezione della stufa a legna, può attualmente funzionare senza elettricità. E il rischio di mancanza di corrente è fortemente legato alle basse temperature dovute al riscaldamento elettrico estremamente presente in Francia (convettori ma anche pompe di calore…che sono molto meno ecologiche di quanto siamo portati a credere…).

Una fake news ampiamente diffuse per alcune settimane ti fa credere che possiamo riscaldare una casa con poche candele e vasi di fiori : questo è completamente falso, il potere calorifico di una candela è di poche decine di watt e ci vogliono migliaia di Watt per riscaldare una casa quando gela, ad eccezione delle fin troppo rare case passive. Tuttavia, questa soluzione può scaldarti le mani...

Sull'illuminazione, ea seconda degli orari di interruzione, a volte sarà sufficiente approfittarne illuminazione naturale. Tuttavia, per un maggiore comfort nelle prime ore del mattino o nel tardo pomeriggio, l'illuminazione artificiale rimarrà senza dubbio essenziale. La prima occasione per tirar fuori dai tuoi armadi candele e lampade a batteria. Con qualche consiglio però. Per quanto riguarda le lampade a batteria, fornire uno stock di batterie ricaricabili può farti risparmiare successivi acquisti poco economici o molto ecologici. Il lume di candela ha un certo fascino, ma attenzione, bisogna pensare prima alla sicurezza!

Quindi dovresti evitare:

  • Per rischiare di avvelenarti con i gas emessi dalle tue candele, a seconda delle dimensioni della tua casa, limita tra le 10 e le 20 candele (no, non sarà sufficiente per riscaldarti altro che le tue mani... e possibilmente le dita dei piedi...)
  • Riponendo le vostre candele in contenitori non idonei, il rischio di scoppio in caso di vetro riscaldato può, ad esempio, essere particolarmente pericoloso.
  • Posiziona le tue candele vicino a superfici infiammabili! In particolare, fai attenzione a non posizionarli troppo vicino alle pareti, o sotto una superficie che potrebbe scaldarsi e quindi prendere fuoco (in una mensola, per esempio).
  • Dovrai anche fare attenzione a vari elementi come tende, capelli, piante o anche ai tuoi bambini e animali domestici che potrebbero rovesciarli o bruciarsi. Certo, candele e alberi di Natale non vanno (ancora) bene insieme…
  • Inutile dire che non dovresti mai lasciare accesa una fonte di luce del genere in tua assenza!
  • Una volta verificati questi elementi, sarete pronti a riscoprire il fascino dell'illuminazione dei nostri antenati. Una soluzione interessante: le torce da giardino vendute in molti negozi di articoli decorativi. Possono essere facilmente spostati in casa per seguire i tuoi movimenti. Possono anche essere inseriti molto bene negli interstizi della maggior parte dei radiatori, il che fornisce un mezzo stabile per installarli a condizione che le pareti della tua casa siano fatte di materiali difficili da incendiare.

torcia da giardino, illuminazione a candela

  • Ricordati di controllare di avere a disposizione accendini o fiammiferi, altrimenti l'illuminazione potrebbe diventare rapidamente complicata, soprattutto se deve essere fatta al buio. Un po' d'acqua sul fiammifero prima di gettarlo nella spazzatura ti impedirà anche di dare fuoco accidentalmente a questo 😉
  • Tuttavia, alcuni di voi probabilmente non saranno pronti per questa soluzione nostalgica ma ammettiamolo, a volte carente di praticità. Ti invitiamo a continuare il nostro articolo per una soluzione di illuminazione operativa da installare in modo molto semplice!

Un altro elemento di cui oggi sembra impossibile fare a meno: cellulare. La cosa più importante qui, ci sembra, sarebbe ricordarvi il numero di emergenza globale che sarà probabilmente l'unico accessibile in caso di interruzioni di corrente: così, dai vostri telefoni cellulari, dovrai comporre il 112.

Leggi anche:  Europa: CO2 emissioni per paese e per kWh elettrici

Non esitate a trasmetterlo intorno a voi, vedete di esporlo nei vostri negozi, sui vostri social network, o anche nei locali della vostra azienda, un piccolo promemoria delle istruzioni di sicurezza non fa mai male. chiedendosi soprattutto come continuare a godersi il proprio dispositivo in modo divertente, ecco alcuni semplici consigli da mettere in atto:

  • Ancora una volta, l'organizzazione conta. Pertanto, essendo avvisato in anticipo in caso di interruzione di corrente, dovrai pensare a ricaricare i tuoi dispositivi al di fuori di questi. Questo è ovviamente valido per il tuo telefono. Anche se per i più svampiti tra di voi, dovremo offrire alcune soluzioni di backup un po' più avanti in questo articolo nel caso ve ne dimenticaste.
  • È anche possibile anticipare i tagli scaricando in anticipo i contenuti offline. Pertanto, se i tuoi giochi preferiti non possono essere utilizzati fuori dalla rete, altre applicazioni, in particolare i video on demand o anche lo streaming musicale offrono la possibilità di scaricare uno o più contenuti sul tuo dispositivo per potervi accedere .quindi senza usare internet.
  • Se non riesci a smettere di comunicare tramite SMS con la tua famiglia o i tuoi vicini, questa potrebbe essere l'occasione per testare una delle applicazioni di comunicazione Bluetooth relativamente sconosciute. Queste applicazioni, operando in modalità "peer to peer", consentono la comunicazione con altri dispositivi situati nelle vicinanze e dotati anch'essi dell'applicazione. Tutto questo senza utilizzare la rete telefonica o Internet. È il caso, ad esempio, delle applicazioni Bridgefy o Briar. Gli svantaggi principali rimangono la portata ridotta e la necessità che l'applicazione sia stata installata dall'utente che si vuole raggiungere.
  • Infine, la modalità "risparmio energetico" del tuo smartphone può consentirgli di durare più a lungo senza dover essere ricaricato. In effetti, questa modalità generalmente abbassa la luminosità del dispositivo e interrompe alcune applicazioni (come Messenger ad esempio) che sono costantemente in esecuzione in background.

Infine, è anche possibile che tu sia preoccupato conservare il cibo. In effetti, i frigoriferi ei congelatori sono piuttosto energivori e integrarli con l'elettricità in caso di interruzione di corrente sarà molto rapidamente costoso. Ma state tranquilli, ci sono soluzioni nonostante tutto:

  • In primo luogo, evita a tutti i costi di aprire le porte dei tuoi elettrodomestici lungo tutti i tagli, così come subito dopo questi. Questi dispositivi, infatti, sono progettati per poter mantenere la loro freschezza in caso di tagli corti (qualche ora) purché rimangano ermeticamente chiusi. Sarà quindi sufficiente controllare in seguito che il cibo non sia stato surriscaldato o scongelato troppo, ma questo non dovrebbe essere il caso per la maggior parte della vostra scorta.
  • Buono a sapersi: non si dovrebbe mai ricongelare il cibo che è stato scongelato così com'è, ma è del tutto possibile cuocerlo e ricongelare la preparazione dopo la cottura!
  • Anche in questo caso sarà interessante anticipare i tagli: prelevando in anticipo il cibo da consumare durante le ore dei tagli ad esempio. Una buona soluzione viste le temperature attuali, può essere poi quella di riporli semplicemente all'aperto. Riposti in contenitori ermetici, e in una scatola installata ordinatamente sul vostro balcone o terrazzo, il vostro cibo non sarà a rischio per le poche ore che potrebbero separarlo dall'uscita dal frigorifero e dal suo consumo.

La lotta contro lo standby elettrico completamente trascurata

Per ridurre il rischio di eliminazione del carico, ci sembra di non comunicare abbastanza sui consumi non necessari e su quelli del giorno prima. Così un piccolo calcolo dell'angolo del tavolo permette di stimare che il la produzione di un reattore nucleare da 1 GW corrisponde a circa e solo 30W per ciascuna delle 30 milioni di famiglie francesi.

E 30W è la potenza in standby di meno di 10 elettrodomestici!

In questo periodo di tensione sulla produzione di energia elettrica, è più che utile tutti staccano i dispositivi che non usano, soprattutto quando sono fuori casa. Perché lasciare accesa la tua casella Internet quando sei al lavoro, ad esempio?

Una buona abitudine da adottare per il futuro perché questo periodo di tensione sulla rete elettrica potrebbe diventare la norma nei prossimi anni...

Alcuni buoni suggerimenti tecnologici possono anche aiutarti:

Se nonostante i consigli dati sopra, la paura dei blackout resta per voi fonte di preoccupazione, sono possibili diverse soluzioni un po' più tecniche (pur rimanendo in gran parte abbordabili e facili da usare) per affrontarla. Prima di tutto, abbiamo menzionato sopra i dispositivi alimentati a batteria, nello stesso concetto, è possibile pensare... alle batterie.

Leggi anche:  Nucleare: riserve mondiali di uranio

Quindi, come abbiamo spiegato più dettagliatamente in un precedente articolo che tratta la scelta delle batterie per un impianto solare, la batteria è un dispositivo per immagazzinare e poi riutilizzare l'energia in assenza di qualsiasi connessione alla rete elettrica. Sul mercato è ormai facile trovare batterie piccole, leggere, chiamate Powerbank, e facili da usare nella sezione "accessori per smartphone".

In caso di mancanza di corrente, avere a disposizione questa soluzione di emergenza a soli una ventina di euro potrebbe permetterti di:

  • Carica il tuo smartphone (o qualsiasi piccolo dispositivo a risparmio energetico e ricaricabile tramite un cavo USB)
  • Ma anche per alimentare una lampada ausiliaria, purché dotata di alimentatore USB. Anche in questo caso troverai abbastanza facilmente la tua felicità nella sezione "gadget elettronici". Per i fai-da-te, è anche abbastanza semplice produrre questo tipo di illuminazione utilizzando strisce LED vendute oggi nella maggior parte dei negozi.
  • Si noti che l'illuminazione a LED è generalmente abbastanza potente, pur consumando pochissima energia. Un nastro LED collegato a una batteria esterna può facilmente durare diverse ore! Resta da ricordare di ricaricare le batterie prima e dopo i tagli.

Allo stesso modo, un inverter 230V a batteria può fornire illuminazione ausiliaria per diverse ore a condizione che vengano utilizzate lampadine a LED a basso consumo e che il riscaldamento elettrico, compresa la cottura, sia limitato il più possibile. Con il vantaggio, questa volta, di consentire un'alimentazione con presa di rete. Ma vediamo qui cos'è un inverter, e gli altri servizi che può fornirti. In effetti, rappresenta un investimento di circa 50-100 euro per un modello base, sarebbe un peccato usarlo solo una volta...

  • Per spiegare cos'è un inverter, dobbiamo innanzitutto richiamare le nozioni di corrente continua (DC) e corrente alternata (AC). La corrente continua è la corrente che può essere fornita da una fonte di energia, come ad esempio una batteria o pannelli solari. La corrente alternata è quella utilizzata dai nostri elettrodomestici. Questo è quello fornito dalle nostre prese standard.
  • L'inverter è un dispositivo che si presenta sotto forma di un box dotato di diverse interfacce di connessione. Converte la corrente continua da una batteria in corrente alternata che può essere utilizzata come rete di riserva. Deve quindi essere interposto tra la sorgente di corrente continua e l'apparecchio da alimentare in corrente alternata. In realtà, alcuni inverter hanno una batteria integrata.
  • Alcuni anni fa, gli inverter sinusoidali puri o veri e propri erano molto costosi, ma non è più così, quindi questa versione di inverter dovrebbe essere preferita perché gli inverter sinusoidali modificati di primo prezzo possono danneggiare alcuni dei tuoi dispositivi, come frigoriferi o riscaldamento circolatori.
  • D'altra parte, se lavori su un PC desktop, anche l'UPS può farti dei favori. Sebbene i modelli base non consentano a un laptop di funzionare per più di pochi minuti, è comunque sufficiente consentire in caso di interruzione di corrente, di salvare il proprio lavoro e di spegnere correttamente la macchina.
  • Infine, se vuoi alimentare dispositivi più potenti utilizzando un inverter, questo è ancora possibile. Tuttavia, dovrai investire in attrezzature molto più costose!

Se il tuo budget lo consente, altre soluzioni possono fornire energia anche senza connessione alla rete Enedis. Anche in questo caso, sono per la maggior parte poco convenienti se si tratta di utilizzarli solo nell'ambito di interruzioni di corrente episodiche. Ma se sei appassionato del tema dell'autonomia elettrica, allora generatori di elettricità ou installazioni solari potrebbe interessarti. Buono a sapersi :

  • Un impianto solare non è più strettamente riservato ai felici proprietari di una casa. Ora esistono soluzioni per adattare il vostro impianto solare ai proprietari di un appartamento (o agli inquilini con l'accordo del proprietario). La fattibilità dell'impianto dipenderà comunque fortemente dalla specificità del locale (presenza di un balcone, accesso al tetto, ecc.)
  • Ci sono generatori elettrici portatili che si possono trovare a partire da 300 euro. Tuttavia, consentiranno il funzionamento solo di dispositivi ad alta efficienza energetica. Ma questo può ad esempio consentire l'uso di un computer portatile o di un asciugacapelli in caso di taglio. Per gli appassionati di campeggio possono rivelarsi un buon investimento da poter riutilizzare nelle giornate di sole...

Hai altre idee o consigli da condividere? Sentiti libero di farlo nei commenti o sul nostro forum energia !

Infine, è possibile chenessun taglio avverrà quest'inverno (che tutti speriamo). Ma i consigli sopra riportati possono rivelarsi utili anche in caso di blackout accidentali non legati ad un sovraccarico della rete.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *