imballaggio

Quali sono i pacchetti?

Un terzo del peso dei nostri contenitori deriva dagli imballaggi. Se vogliamo ridurre l'impatto ambientale dei nostri rifiuti, è imperativo fare uno sforzo per ridurne la quantità e la nocività. Ma se il consumatore, davanti al suo bidone straripante, ha spesso l'impressione di aver "consegnato" una quantità impressionante di imballaggi non necessari per motivi di marketing, la sua percezione è spesso un po 'distorta; da un lato non sempre percepisce tutta la posta in gioco di questo settore e dall'altro si considera "fuori" dal problema pur essendo un attore essenziale.

I ruoli di imballaggi

  • Conservazione e igiene.

    A seconda del prodotto, potrebbe essere necessaria una protezione contro l'umidità, la luce o l'ossigeno, ad esempio. La sicurezza alimentare deve essere tenuta in considerazione: l'imballaggio riduce il contatto con fonti di contaminazione dalla fabbrica, durante il trasporto e nel negozio, ma anche a casa con imballaggi richiudibili efficaci.

  • La tutela dell'uomo e dell'ambiente.

    Ciò è particolarmente importante nel caso di prodotti pericolosi: l'imballaggio non deve perdere, essere sicuro da maneggiare e avere sistemi di sicurezza per i bambini.

  • Proporre porzioni appropriate.

    Maggiore è la quantità di prodotto, minore è la proporzione di imballaggi. Ma la tendenza è quella di ridurre il peso della porzione, sia per scelta (il consumatore si assume la responsabilità) che per necessità (con l'aumento del numero di single o la diminuzione del numero di figli per famiglia). L'individualizzazione dei prodotti è oggi una forte tendenza di marketing, a discapito del rispetto per l'ambiente.

  • Stoccaggio e trasporto.

    È questo aspetto della confezione che più spesso sfugge al consumatore. Un prodotto a volte percorre grandi distanze, può essere conservato a lungo e in varie condizioni. La progettazione dell'imballaggio deve quindi tener conto delle variazioni di temperatura, umidità, urti e del peso dei prodotti impilati sopra di esso. Deve essere adatto all'infrastruttura (viaggi in aereo, camion, rimessaggio esterno, ecc.) Ed essere calibrato per resistere alle peggiori condizioni che potrebbe incontrare. È quindi necessario ottimizzare la coerenza tra l'imballo di vendita (quello che il consumatore trova sugli scaffali), l'imballaggio groupage (scatole, scaffalature, ecc.) E l'imballaggio per il trasporto (pallet, contenitori, ecc.). Riducendo al minimo i costi, ovvero riducendo il peso e lo spazio.

  • Le informazioni e il marketing.

    L'imballaggio utilizzato per sostenere le informazioni legali per i consumatori, ma anche per l'etichettatura, la tracciabilità, ecc Finalmente arriva il marketing che aumenta la visibilità del prodotto e l'attrattiva per i consumatori.

Altro:
- nostro forums sulla gestione dei rifiuti
- la nostra immondizia
- tecniche di riciclaggio

Téléchargements
- Report in .pdf “Essere o non essere imballato. 32 domande che ci poniamo sul packaging ", 1.2 Mo, pubblicato dal National Packaging Council (CNE)
- Rapporto in .pdf "Imballaggi utili e non necessari" pubblicato da Agir pour l'Environnement, CNID e France Nature Environnement.

Leggi anche:  La Cina sta riducendo notevolmente l'importazione di rifiuti industriali stranieri. Un terremoto o un'opportunità per l'industria europea del riciclaggio?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *