Logo DPE

Ottimizzare le prestazioni energetiche della tua casa prima di venderla

Offrire la tua proprietà sul mercato immobiliare è un'azione che deve sempre dare origine ad alcuni menu o grandi travaux. Questa è una necessità, poiché gli acquirenti saranno più propensi ad acquistare una casa in buone condizioni e che offre prestazioni energetiche interessanti.

La domanda è quali lavori sono i più rilevanti da vendere rapidamente e bene. In un momento in cui tutti sono incoraggiati ad agire a favore di un ambiente meno inquinato, è normale che l'andamento degli immobili sia sempre più determinante nella decisione di acquisto. Ecco tutti i buoni motivi per ottimizzare prestazione energetica della sua casa prima di venderla.

Le case verdi sono popolari

Di fronte alle conseguenze dell'inquinamento e del riscaldamento globale sulle vite umane, il movimento per un pianeta più pulito sta guadagnando slancio tra gli individui.

Una diagnosi immobiliare positiva, per una vendita ottimizzata

Alcune case consumano energia, e quindi inquinano, oltre ad essere costose da mantenere. Acquirenti più propensi a spendere di meno e ad inquinare di meno preferiscono rivolgersi a abitazioni con standard di prestazione energetica.

Leggi anche:  Casa: proteggi la tua proprietà

Tutti i settori, compreso quello immobiliare, sono interessati da questa consapevolezza, e le diverse diagnosi immobiliari che sono obbligatorie per l'affitto o la vendita includere la diagnostica per rilevare i filtri termici. Sarà quindi il DPE, il diagnosi delle prestazioni energetiche. Viene eseguito da un diagnostico certificato ed è valido per un periodo di 10 anni. Quindi, se la tua ultima diagnosi immobiliare è più vecchia, sarà consigliabile rifare una. Se rientra nel quadro di 10 anni, ma hai avuto un lavoro di ottimizzazione energetica svolto nella tua casa, sarà preferibile rifare un DPE, in modo da presentare dati più positivi e gratificanti ai tuoi potenziali acquirenti.

Si noti che il DPE ha lo scopo di informare il futuro proprietario del consumo energetico dell'immobile che intende acquisire su più punti: il riscaldamento, il sistema di raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria. È quindi a questo livello che dovrai considerare i lavori di rinnovamento energetico!

Leggi anche:  Come organizzare i mobili da giardino in modo eco-responsabile?

Le prestazioni energetiche sono un vero guadagno in vendita

Di fronte all'obbligo di indicare la classe energetica della propria abitazione negli annunci immobiliari, i venditori non possono più mettere in dubbio queste informazioni con i potenziali acquirenti. Ciò ha avuto un forte impatto sul mercato immobiliare, da allora la nota visualizzata in Diagnosi delle prestazioni energetiche ora influisce sul prezzo al quale viene offerto un immobile.

Si noti che le case classificate A e B sono dal 5 all'11% più costose di quelle classificate D.Non appena una casa è classificata F o G, il suo sconto sul prezzo di vendita può essere compreso tra il 6 e il 19% per rispetto alle abitazioni classificate D.

Più la classificazione della proprietà è vicina ad A, più i venditori possono permettersi di addebitare un buon prezzo e vendere tra il 14 e il 27% in più rispetto a una casa classificata D. L'argomento della vendita può quindi essere strutturato intorno il comfort della casa, il risparmio che gli abitanti potranno ottenere sulle bollette energetiche, ed in particolare il costo sostenuto dal venditore nell'ambito del recente rinnovamento energetico.

Leggi anche:  Pellet di combustione, analisi e confronto con altre fonti energetiche

La possibilità di essere aiutato durante i lavori

Il prezzo dell'adeguamento energetico delle merci può raggiungere picchi a seconda delle esigenze abitative. Tuttavia, ciò non dovrebbe costituire un ostacolo alla realizzazione dei lavori, in quanto alcuni di essi sono oggetto di aiuti di Stato.

Beneficiando di questi aiuti, sarà possibile rinnovare la tua casa a un costo inferiore. A seconda della natura del lavoro, questo aiuto può comportare a Riduzione dell'IVA del 5,5%, un Prestito a tasso zero, o a assistenza finanziaria da ANAH.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *